Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / parma / News
Sudtirol, traballa la panchina di Bisoli: "Se sono io il problema mi faccio da parte"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
lunedì 4 dicembre 2023, 11:54News
di Tommaso Rocca
per Parmalive.com

Sudtirol, traballa la panchina di Bisoli: "Se sono io il problema mi faccio da parte"

Dopo la clamorosa qualificazione ai playoff nella passata stagione e un buon avvio quest'anno, ora il Sudtirol sembra in enorme difficoltà. Almeno sotto l'aspetto dei risultati: un solo punto nelle ultime cinque gare, un rendimento che ha portato la formazione altoatesina ad un solo punto di vantaggio sulla zona playout. Un margine che non fa dormire sonni tranquilli alla società, che sta facendo qualche riflessione sulla panchina del tecnico Pierpaolo Bisoli. Dall'essere l'eroe della passata stagione, ora il rischio esonero è concreto. Le prossime gare saranno cruciali per definire il futuro del tecnico, che in conferenza stampa si è espresso così: “Se la società ritiene che sono io il problema, lo venga a comunicare a me e al mio staff e ci faremo da parte, fa parte del calcio. Io sono molto tranquillo.

Io so di aver dato tutto l’anno scorso, e quest’anno ancora di più. Sul periodo, posso solo dire che io vorrei fare tutte le partite come il primo tempo, certo non solo per 45 minuti ma per tutta la gara. Questo però dipende anche da chi entra. Come detto, se la società ritiene che sono io il problema mi faccio da parte. Ma se il problema non sono io, bisogna che i giocatori si guardino dentro e diano qualcosa in più, e sanno di chi sto parlando.”