Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / roma / A tu per tu
…con Roberto VenturatoTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
mercoledì 6 dicembre 2023, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

…con Roberto Venturato

“Il Napoli è una squadra molto forte, l’anno scorso lo ha dimostrato e ha dato continuità di risultati. Quest’anno è andato in difficoltà, mantenere la continuità è complicato. I calciatori non sono meno bravi, nel corso del campionato trovando più serenità riusciranno a fare bene”. Così a TuttoMercatoWeb l’ex allenatore di - tra le altre - Cittadella e SPAL, Roberto Venturato.

Per lo Scudetto c’è l’Inter?
“Sta dimostrando di avere quella continuità che diventa fondamentale. Quest’anno è riuscita a trovare equilibrio, mentalità e capacità”.

E la Juve?
“Ha fame di voler tornare presto a vincere. La vedo una di quelle squadre che possa giocarsi le proprie carte”.

Serie B: che campionato ha visto fin adesso?
“Parma e Venezia sono le squadre che hanno confermato le loro ambizioni. La squadra di Vanoli sta confermando quanto fatto l’anno scorso, il Parma si giocherà la vittoria del campionato. La Cremonese ha trovato la giusta continuità con Stroppa”.


Fatica al momento il Palermo.
“Mi dispiace, perché è una realtà che può esprimere molto. Mi auguro che riesca a riprendersi e ad esprimersi come le squadre di Corini hanno spesso fatto. Quando ci sono queste situazioni si perde serenità, ma Eugenio Corini conosce la piazza ed è un allenatore valido. Con il Palermo ha fatto bene da calciatore e gli auguro di tornare a vincere da allenatore”.

E lei mister?
“Aspetto, cerco di trovare una soluzione che possa permettermi di ripartire”.

Alla SPAL l’epilogo sembrava scritto.
“Sono andato via dalla SPAL era ad un punto dai playoff e con tutto il campionato di B da giocare. Mi è dispiaciuto molto. Credo che la scelta di cambiare sia stata più del presidente che del direttore sportivo”.