Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / roma / Serie A
Sabatini a RFV: "Fiorentina da Champions. Di Mourinho non parlo, mi infilerei in un vespaio"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
venerdì 8 dicembre 2023, 16:53Serie A
di Dimitri Conti

Sabatini a RFV: "Fiorentina da Champions. Di Mourinho non parlo, mi infilerei in un vespaio"

Walter Sabatini a Radio Firenze Viola
00:00
/
00:00
Walter Sabatini, direttore sportivo di lungo corso, ha rilasciato un'intervista a Radio FirenzeViola in cui si è concentrato sul presente e il futuro della Fiorentina, toccando anche temi di mercato e la sfida di domenica sera in casa della Roma, società nella quale ha lavorato per lunghi anni: "Le vittorie aiutano. Sarebbe stato diverso se la Fiorentina avesse perso ai rigori, il passaggio del turno comunque galvanizza, ti fa andare più forte".

La partita di domenica con la Roma è una sfida Champions, la Fiorentina può puntare al quarto posto?
"Lo deve fare. Ha tutte le qualità per arrivare a centrare quell'obiettivo, ha profondità di rosa e qualità. Chiaro che la partita con la Roma diventa uno spartiacque".

Come vedrebbe insieme Beltran e Nzola dal primo minuto?
"Li vedo bene. Beltran è un giocatore di grande movimento e si integra con ogni attaccante. Poi ora che Nzola si è sbloccato col gran gol al Parma è anche lui in rampa di lancio. Può essere il momento di vederli insieme per più tempo".


Cosa pensa delle recenti dichiarazioni di Mourinho?
"Di lui non voglio parlare perché mi infilerei in un vespaio. Preferisco parlare di Italiano, che è un ottimo allenatore, un giovane rampante che deve chiudere la sua parabola ascendente portando la Fiorentina nella coppa europea che conta. Anche la vittoria della Conference League sarebbe un'imposizione importante, ma la coppa che conta è la Champions League".

L'intervista completa nel podcast!