Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / roma / Interviste
Impallomeni: "La Roma ha un passo da scudetto nelle ultime sette". AUDIO!TUTTO mercato WEB
martedì 28 novembre 2023, 01:00Interviste
di Marco Rossi Mercanti
per Vocegiallorossa.it

Impallomeni: "La Roma ha un passo da scudetto nelle ultime sette". AUDIO!

Maracanà con Marco Piccari e Stefano Impallomeni. Ospiti: Garbo:" Bello l'esordio di Camarda. La Juve la più vicina all'Inter per solidità." Bonanni:" Di Francesco un passo importante sta facendo un gran lavoro." Ceccarini:" Mazzarri ha liberato la squadra. Milan ancora impaurito." Impallomeni:" Roma passo da scudetto, serve lo step negli scontri diretti.
00:00
/
00:00

TMW Radio, durante Maracanà, è arrivato il momento del giornalista ed ex calciatore Stefano Impallomeni.

Il pensiero di giornata?
"La Roma, che ha un passo da scudetto nelle ultime sette. Ha una regolarità disarmante dopo un inizio difficile. Ora si è ripresa ed è a un tiro dalle migliori che sono in zona Champions. Può rimanere così a patto che negli scontri diretti faccia meglio".

Come ha visto il Napoli?
"Bene così. Se dovesse battere l'Inter si rimette in carreggiata".

È la Juventus la più credibile ora alle spalle dell'Inter?
"L'Inter deve temere se stessa. La Juventus è lì, è solida, ci sono tante variabili ma se si guardano anche le altre diventa interessante il discorso. La Juve ha un bel passo e una consapevolezza importante, ma non la vedo tanto più forte delle prime inseguitrici. Giusto che Allegri dica ancora che ha 9 punti sulla quinta, questo è l'obiettivo".

Come ha visto Milan-Fiorentina?
"Stimo Italiano, però bisogna fare delle critiche costruttive. Deve trovare una via di fuga da questa maledizione del gol con gli attaccanti. Il dopo-Vlahovic a Firenze è clamorosamente un flop. Non so dire dove sia il problema, ma trasmette un senso di incompiutezza enorme. È potenzialmente forte ma discontinua. Forse è colpa dell'allenatore ma anche di una rosa che non è troppo da quinto posto".

Un pensiero sulla Lazio?
"Bruttissima. Siamo di fronte a una crisi tecnica, a una fase di rigetto. Tutti hanno responsabilità. È una crisi tecnica sottovalutata. La qualità è scemata in tanti elementi chiave. Chi per un motivo, chi per un altro non ha reso come lo scorso anno. E i nuovi non si sono inseriti mai veramente. Inutile dire che salteranno teste. Ci sono condizioni difficili per immaginare qualcosa di diverso e meglio dello scorso anno. Per immaginare qualcosa di diverso ci vorrà del tempo. Ci sarà il tempo per risollevarsi? Non so".

Che Milan arriva all'appuntamento Champions?
"Troppo poco per dire che le cose vanno bene. La vittoria mi ha sorpreso, ora non si può pensare troppo alle prestazioni ma prendere quello che arriva. È un momento delicato e si deve andare avanti. Il Dortmund è una squadra che gioca ma l'hai messa sotto all'andata. La Fiorentina ha buttato al vento una grande occasione".

Tra Juve e Inter chi ha perso un'occasione?
"Si, occasione persa dell'Inter. La Juventus era rimaneggiata, se non vinci in questi momenti... E poi non mi ha convinto la scelta di Cuadrado, anche per un discorso ambientale. Calhanoglu l'ho visto che doveva rimanere fino alla fine. Ti aspettavi la spallata e invece...".