Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / roma / Editoriale
Speranze Champions, ora è il momento di spingereTUTTO mercato WEB
lunedì 26 febbraio 2024, 16:30Editoriale
di Alessandro Carducci
per Vocegiallorossa.it
fonte L'editoriale di Alessandro Carducci

Speranze Champions, ora è il momento di spingere

Lo diciamo senza giri di parole: questo è il momento in cui la Roma, in campionato, deve spingere.
Il calendario, infatti, propone ai giallorossi tutte sfide di difficoltà medio-bassa poiché, proprio come accaduto nel girone di andata, i big match si accumuleranno quasi tutti alla fine. Quindi, il momento di pigiare sull’acceleratore è questo, dando anche uno sguardo a chi sta sopra in classifica.

IL CALENDARIO TREMENDO DELL’ATALANTA – Partiamo dai bergamaschi. La squadra di Gasperini dovrà scendere negli inferi e vedremo come ne uscirà: i nerazzurri, dopo il Milan, giocheranno contro Inter, Bologna, Juventus, Fiorentina e Napoli. Il Bologna, invece, nelle prossime due avrà Atalanta e Inter. La Roma deve approfittarne e mordere ora le caviglie degli avversari.

DE ROSSI SALDAMENTE AL TIMONE – La prima tappa, per De Rossi, è il Torino di Juric. In conferenza, il tecnico giallorosso è stato chiaro e ha mandato un avviso ai naviganti: “Se entreremo con la testa sbagliata allora avrò fatto tutto male, tutto”. Il rischio c’è, così come c’è il rischio che si inizi a parlare di un Lukaku in calo. De Rossi, ogni volta che glielo nominano, fa scudo e ne esalta le prestazioni. Se lo coccola e fa bene: finora, il tecnico giallorosso ha azzeccato tutte le mosse, sia fuori, sia dentro al campo (ad eccezione della formazione iniziale a Frosinone). Ha schivato ogni iceberg e ha ridato entusiasmo a un ambiente ormai assuefatto alla precarietà e a un incedere incerto in campionato, che non faceva giustizia a una rosa certamente da migliorare ma comunque di livello. Ora, però, tocca spingere, a iniziare dal Torino.