Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / News
Salernitana, il rendimento dell'attacco granataTUTTO mercato WEB
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com
venerdì 9 giugno 2023, 16:00News
di Lorenzo Portanova
per Tuttosalernitana.com

Salernitana, il rendimento dell'attacco granata

Assoluto protagonista del reparto offensivo della Salernitana è stato Boulaye Dia, attaccante senegalese arrivato la scorsa estate dopo una corte serrata del direttore sportivo Morgan De Sanctis. Subito un impatto importante per l'ex calciatore del Villareal, con tre gol nelle prime tre partite da titolare con la maglia granata. Dia ha battuto il record di Marco Di Vaio (che realizzò 12 gol in A nella stagione 98/99) ed è diventato il capocannoniere della storia della Salernitana in serie A con 16 gol, staccando anche il compagno di squadra Bonazzoli, che pure ha realizzato 12 gol in A con i campani ma in due stagioni. Il pistolero lombardo è stata una delle maggiori delusioni del campionato appena finito, Solo due gol e tantissima panchina, con Nicola e soprattutto con Sousa. Calciatore sempre lodato per le sue indubbie qualità tecniche ma che non è riuscito a ripetere quanto fatto nell'annata precedente.

In chiaroscuro invece l'annata di Krzysztof Piatek. È arrivato a Salerno con la fama del goleador, numeri importanti nelle sue precedenti esperienze italiane ma con la maglia granata si è riscoperto poco prolifico sotto porta ma uomo-assist e calciatore chiave per il gioco della squadra. Per un attaccante però contano molto i numeri, e da questo punto di vista il pistolero polacco ha deluso, con soli quattro gol (di cui uno su rigore). Poche chance per Erik Botheim e Diego Valencia, le qualità non mancano ma sono apparsi ancora troppo acerbi e impreparati per certi livelli e per il calcio italiano. L'attaccante norvegese ha avuto un finale di stagione in crescendo con buone prestazioni e qualche assist per Dia, troppo poco però per un attaccante.