Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / Serie A
TMW - Gravina: "Il caso D'Onofrio ha saccheggiato il mondo del calcio, ha tanti lati oscuri"TUTTOmercatoWEB.com
martedì 15 novembre 2022, 13:22Serie A
di Tommaso Bonan
fonte Dall'inviato, Dario Marchetti
tmw

Gravina: "Il caso D'Onofrio ha saccheggiato il mondo del calcio, ha tanti lati oscuri"

"E’ un tema che ha creato imbarazzo e disagio nel mondo del calcio che è stato saccheggiato da questo episodio che presenta come detto più volte in Consiglio tantissimi lati da chiarire, tanti lati oscuri. Molti punti continuiamo a ignorarli e a comprendere come alcuni fatti siano stati possibili". Così Gabriele Gravina, presidente della FIGC, a margine del Consiglio Federale d'urgenza indetto per il caso Rosario D'Onofrio, procuratore capo AIA arrestato nell'ambito dell'indagine per traffico internazionale di droga, e che ha portato il Consiglio federale a trasferire la giustizia arbitrale sotto l'egida della FIGC.

"La proposta di passare la giustizia arbitrale sotto l'egida della FIGC - continua Gravina - è stata condivisa con il presidente del CONI, Giovanni Malagò e il Ministro per lo Sport e per i Giovani, Andrea Abodi, per dare una prima risposta. Dovevamo difendere in modo categorico l’autonomia degli arbitri, non vogliamo occupare o intrometterci nella gestione autonoma dell’aia. C’è comunque qualcosa che non ha funzionato nella gestione domestica AIA".

Commissariamento AIA? "Capisco l'amarezza di Trentalange. Lui è stato democraticamente eletto dai suoi arbitri e rappresentati ed è legittimato a tenere il ruolo. Oggi non ci sono elementi oggettivi per un provvedimento così violento come il commissariamento, ma se domani dovessero emergere altri elementi sarà Trentalange per primo a fare un passo indietro. C’è grande rispetto per la sua sofferenza che è la stessa degli arbitri italiani".

Infine una riflessione sugli arbitri. "Sono intoccabili, non c’entrano nulla in questa vicenda. Le responsabilità sono individuali di un soggetto con aspetti ancora tutti da chiarire. Sono anche contento per gli arbitri che sabato e domenica sono andati in campo e hanno dimostrato grande maturità e di non essere scalfiti da questo episodio. A dimostrazione della loro integrità e del loro carattere".