Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / sassuolo / Calciomercato Sassuolo
Cambiaso, obiettivo mercato Sassuolo: "Vi svelo il mio futuro"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
domenica 26 giugno 2022, 13:09Calciomercato Sassuolo
di Redazione SN
per Sassuolonews.net

Cambiaso, obiettivo mercato Sassuolo: "Vi svelo il mio futuro"

Le dichiarazioni di Andrea Cambiaso, terzino del Genoa che è finito nel mirino di Juventus, Inter e Sassuolo. Le ultimissime news

Andrea Cambiaso, obiettivo di mercato del Sassuolo, ha rilasciato un'intervista alla Gazzetta dello Sport, parlando fra le altre cose anche del suo futuro. Ecco le sue parole: "Sono esattamente la stessa persona di quattro anni fa. Assolutamente. Il fatto che il mio nome compaia vicino a quelli di grandi club, è soltanto un privilegio e un onore. Fa piacere, ma vivo la cosa in modo sereno. Niente di più. Idoli? Sarebbero due. All’inizio giocavo trequartista ed esterno d’attacco, e mi ero innamorato di Dybala. Quando giocava nel Palermo (nel 2014, n.d.r.) venne a Marassi e segnò un gol pazzesco contro il Genoa. Io ero allo stadio, mi colpì. Poi sono diventato un terzino, un esterno, e lì mi ispiro molto a Cancelo. Guardo sempre le sue partite".

SCELTI DA SASSUOLONEWS:

Calciomercato Sassuolo, sfumano gli obiettivi: tre affari stanno per saltare

Cancellieri Sassuolo, cosa filtra da Verona sull'affare con i neroverdi

Calciomercato Sassuolo: il Lecce non fa sconti per Strefezza. Le ultime

Prosegue Andrea Cambiaso: "A diciassette anni, ai tempi degli Allievi Nazionali, non ero pronto per giocare in Primavera, e il direttore rossoblù di allora, Taldo, mi mandò in D. Con il senno di poi, fu una scelta giustissima, anche se sul momento non mi sembrò tale. Oggi dico che non la rinnegherò mai e sono anzi orgoglioso di avere giocato là, considerando il giocatore e la persona che sono oggi. Al centodieci per cento rifarei la scelta di andare ad Albissola ed a Savona. Mi ha forgiato, permettendomi di avere sempre la fame giusta".