Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / sassuolo / Sassuolo Femminile
Serie A Femminile: la mossa del Sassuolo e dei club sulla spartizione dei diritti tv
sabato 15 giugno 2024, 16:21Sassuolo Femminile
di Manuel Rizzo
per Sassuolonews.net

Serie A Femminile: la mossa del Sassuolo e dei club sulla spartizione dei diritti tv

Il Consiglio ha ratificato la suddivisione in parti uguali della vendita dei diritti tv per i club della Serie A, compreso il Sassuolo Femminile

Il Consiglio Federale ha ratificato le iscrizioni alla prossima stagione. Approvati i nuovi Principi Informatori dei Regolamenti dell’AIA e nominati i nuovi membri della Co.Vi.So.C.: il presidente è Tommaso Miele. È stato rilanciato il grido d’allarme a tutela dei vivai per le modifiche normative intervenute con la riforma governativa della scorsa estate. Si è parlato anche del calcio femminile con il Sassuolo Femminile e le altre società coinvolte che hanno deciso di spartirsi in parti uguali gli incassi dei diritti tv.

Su proposta dell’Assemblea Divisione Serie A Femminile Professionistica, il Consiglio ha ratificato la suddivisione in parti uguali dell’intero importo derivante dalla vendita dei diritti tv della stagione 2024/25 tra le partecipanti al campionato.

SCELTI DA SASSUOLONEWS:

Sassuolo Femminile, Fifì Jane saluta dopo due anni: il messaggio d'addio

SN - Il saluto di Piovani: “Grazie Sassuolo, 6 anni stupendi. Per sempre uno di voi”

Sassuolo Femminile, confermato: è Gian Loris Rossi il nuovo allenatore

Alla soddisfazione per il successo nel Campionato Europeo della Nazionale Under 17 maschile inoltre, che arriva a meno di un anno di distanza dall’oro europeo dell’Under 19 e dall’argento mondiale dell’Under 20 andando a configurare un vero e proprio ‘modello Italia’, fa da contraltare la preoccupazione per i vivai, messi a dura prova dalla piena entrata in vigore dal 1° luglio dalla riforma approvata dal Governo che prevede lo svincolo per tutti i calciatori di settore giovanile. A tutela delle società che investono nei settori giovanili, la FIGC ha pubblicato lo scorso 31 maggio un Comunicato Ufficiale (n. 233/A) con nuove norme per il tesseramento dei giovani, che è stato già segnalato all’Autorità Antitrust. In conseguenza di ciò, il presidente Gravina chiederà formalmente in audizione in Commissione alla Camera dei Deputati di sanare questo grave nocumento al sistema federale in sede di conversione in legge del Decreto Legge n.71 del 2024.

PRINCIPI INFORMATORI REGOLAMENTI AIA. Ispirata dalla più ampia partecipazione al processo democratico dell’elezione del presidente dell’AIA e dalla completa separazione degli organi politici da quelli tecnici, è stato sottoposto al Consiglio, che ha approvato all’unanimità, un testo condiviso a seguito dei diversi confronti con i rappresentanti associativi degli arbitri. Le novità più rilevanti riguardano la votazione del presidente dell’AIA attraverso il coinvolgimento di massimo 1000 delegati, eletti al di fuori delle sezioni, l’incompatibilità tra il ruolo tecnico e quello politico, nonché la durata biennale degli incarichi tecnici.
“Tutto quello che avevamo chiesto come Federazione – ha sottolineato Gravina – con l’obiettivo di sganciare la parte politica da quella tecnica, è stato perfettamente accolto. Così come l’incarico biennale che darà stabilità alle Commissioni tecniche nell’ottica di una maggior valorizzazione degli arbitri”.

NOMINE CO.VI.SO.C. Preso atto delle dimissioni presentate da quattro componenti della Co.Vi.So.C., a valere dal 30 giugno 2024, la FIGC ha provveduto a pubblicare un bando per l’integrazione della stessa Commissione ricevendo 73 manifestazioni di interesse. Verificata la sussistenza dei requisiti di base, la formazione, l’esperienza e la competenza dei candidati, Il Consiglio ha provveduto a nominare Tommaso Miele (presidente), Roberto Benedetti, Chiara Grassi e Laura Santoro (componenti). I nuovi membri si aggiungono a Giuseppe Marini. In attuazione del Decreto Legislativo del 10 marzo 2023, il Consiglio Federale ha nominato Roberto Serrentino, Cristiano Fava e Giovanni Zoppi quali membri dell’Organismo Ricevente Whistleblowing.