Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / sassuolo / Serie A
Sassuolo-Napoli 1-6, le pagelle: ci sono due 3, voto 9 per Osimhen. Bravo CalzonaTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 29 febbraio 2024, 06:05Serie A
di Raimondo De Magistris

Sassuolo-Napoli 1-6, le pagelle: ci sono due 3, voto 9 per Osimhen. Bravo Calzona

Risultato finale: Sassuolo-Napoli 1-6

Le pagelle del Sassuolo (a cura di Marco Pieracci)

Consigli 4,5 - Il Napoli sembra quello in versione Spalletti, gli arrivano da tutte le parti: fa quello che può. Nega il poker a Kvara una prima volta, poi ne prende altri tre. Potevano essere anche di più.

Pedersen 4 - Kvaratskhelia performa sulla fascia sinistra come nei giorni migliori, imponendo subito un ritmo alto sul quale non riesce a sintonizzarsi. Ne esce con le ossa rotte.

Ruan 3 - Parte benino, poi di colpo tutte le insicurezze vengono messe a nudo da un mismatch improponibile con Osimhen. Disastroso, per completare l'opera offre sul piatto d'argento la tripletta al nigeriano. Dall'77' Kumbulla sv

Ferrari 4 - Chiusura top su Osimhen, al quale nega un comodo tap-in sotto porta, poi frana insieme a tutto il reparto. Tagliato fuori dal colpo di tacco smarcante di Anguissa, tiene in gioco Politano sul raddoppio. Arranca fino alla fine.

Doig 4 - Le continue sovrapposizioni di Di Lorenzo lo mandano letteralmente al manicomio. L'asse con Politano lo costringe a delle inutili e affannose rincorse. Non sa che pesci prendere, esce frastornato. Dal 56' Missori 4,5 - Le cose non vanno meglio.

Racic 4,5 - Rilanciato titolare dopo essere finito ai margini con Dionisi, trova la stoccata a giro da fuori esorcizzando la partenza rombante del Napoli. Mezzo voto in più per il gol, bello ma inutile. Dal 56' Volpato 4,5 - Rinvia sui piedi di Kvaratskhelia la palla del set point.

Henrique 3 - Il primo compito assegnatogli è quello di spegnere la luce di Lobotka, invece si fa abbagliare dal palleggio ipnotico del regista slovacco. Regala il terzo gol al Napoli con un passaggio orizzontale incomprensibile.

Bajrami 4 - Rimette verso il centro dell'area di rigore il pallone dal quale nasce la rete del vantaggio, sarà l'unico segno tangibile di una presenza misteriosa. Dal 77' Defrel sv

Thorstvedt 4 - Vaga per il campo correndo a vuoto, senza riuscire mai a imporsi nei duelli. Viene meno anche sul piano dell'agonismo, di solito il suo tratto distintivo.

Laurienté 4 - Cambia il tecnico, ma il refrain rimane lo stesso di tutta la stagione: non riesce a fare la differenza, sbagliando ogni volta la scelta finale da prendere.

Pinamonti 4 - Supportato poco e male, malinconicamente abbandonato a se stesso, gioca la sua partita personale in isolamento. Non ottimizza quel poco che riceve. Dall'87' Kumi sv

Emiliano Bigica 4 - Al debutto assoluto in A, dopo un paio di allenamenti con la prima squadra, probabilmente è il meno responsabile della prestazione sconcertante ma una sconfitta del genere, al netto del valore dell'avversario, rischia di complicare ancora di più una situazione già di per sé critica.


Le pagelle del Napoli (a cura di Raimondo De Magistris)

Meret 6 - Sul gol che sblocca la partita si muove in ritardo, quel tanto che basta per permettere a Racic di esultare. Per sua fortuna, dopo lo 0-1, il Napoli ha trovato i 75 minuti migliori della sua stagione.

Di Lorenzo 7.5 - Da Capitano, dà la scossa al Napoli dopo il gol di Racic. Dai suoi piedi nasce il gol del pari, poi anche quello del sorpasso. Realizzato l'1-2, i compagni vanno col pilota automatico e lui può godersi lo spettacolo.

Rrahmani 7 - Inserimento da attaccante sul gol che riequilibra la partita. Sul tacco di Anguissa è al posto giusto al momento giusto. Dal 62esimo Natan 6 - Entra per accumulare minuti a risultato già ampiamente acquisito.

Ostigard 6.5 - Tutta un'altra storia rispetto a Juan Jesus, tutt'altra attenzione. La gara di stasera potrebbe cambiare le gerarchie al fianco di Rrahmani.

Mario Rui 6.5 - Attento in fase difensiva, si sovrappone regolarmente a Kvaratskhelia quando necessario.

Anguissa 7.5 - Nel momento di maggiore difficoltà del Napoli s'inventa la giocata che cambia il volto della partita: illuminante il colpo di tacco che permette a Rrahmani di calciare da posizione favorevolissima e realizzare il gol del pari.

Lobotka 6.5 - Partita di grande confidenza in cabina di regia, anche se il terreno di gioco non lo aiuta. Dall'80esimo Dendoncker s.v.

Traorè 6.5 - Rispetto a Zielinski ha un altro passo, un'altra voglia, un'altra determinazione. Dal 77esimo Zielinski s.v.

Politano 7 - Non sempre nel vivo del gioco, ma quando ha palla tra i piedi è ispirato. Suo l'assist per il gol del sorpasso, il primo realizzato questa sera da Victor Osimhen. Dal 62esimo Raspadori 6 - Va vicino al gol pochi minuti dopo il suo ingresso con un tiro intercettato da Consigli

Osimhen 9 - C'è un Napoli con lui e un altro senza di lui. Verità inoppugnabile, confermata da una partita che ha visto i partenopei prendere il largo quando il nigeriano ha deciso di seminare il panico tra le maglie neroverdi. Con la tripletta di stasera ha raggiunto la doppia cifra in questa Serie A: lo scorso anno di questi tempi era quasi a quota 20, un dato che spiega tanto del crollo del Napoli campione d'Italia. Dal 77esimo Simeone s.v.

Kvaratskhelia 8 - Dopo un primo tempo in cui cerca e ricerca la giocata personale, inizia la ripresa con l'assist per Osimhen. Poi trova anche la gloria personale, con un bel tiro a giro e con la rete del definitivo 1-6.

Francesco Calzona 8 - Alla terza partita da allenatore del Napoli trova la sua prima vittoria. E che vittoria. Perché è vero che di fronte c'era un Sassuolo disastroso, ma si sono riviste le trame della squadra campione d'Italia. S'è visto il miglior Napoli della stagione.