Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / sassuolo / I fatti del giorno
Il Cagliari vince lo scontro diretto e la salvezza. Giulini: "Avanti con Ranieri e Bonato"TUTTO mercato WEB
lunedì 20 maggio 2024, 00:36I fatti del giorno
di Pierpaolo Matrone

Il Cagliari vince lo scontro diretto e la salvezza. Giulini: "Avanti con Ranieri e Bonato"

Il presidente a fine partita evidentemente emozionato e felice, nella foto si abbraccia col figlio al triplice fischio che sancisce la salvezza del Cagliari
Dilly-Ding Dilly-dong, il Cagliari è salvo. Cronometro alla mano, in maniera persino più "comoda" di quanto non sia stato, per i sardi, conquistare la promozione in Serie A. Una giornata d'anticipo, altro che una manciata di secondi alla fine del recupero. Chissà senza quella zampata di Pavoletti… In panchina, a godersela un anno fa come oggi, ecco Claudio Ranieri, il baronetto del calcio italiano.

Difficile paragonare la salvezza del Cagliari a un'impresa come quella del Leicester, che resterà nella storia della Premier League. La firma, però, è sempre la stessa: 73 anni da compiere il prossimo 20 ottobre, non chiamatelo decano ma il dato anagrafico racconta che il più "grande" signore della Serie A ha colpito ancora.


E pensare che Ranieri aveva preso i sardi al 14° posto in classifica in Serie B, subentrato a Fabio Liverani appena prima di Natale, in una stagione che non sembrava promettere niente di buono. Accolto come un eroe, del resto era lì, nel 1988, che la sua carriera da allenatore aveva preso il volo: la doppia promozione dalla C1 alla A, il quattordicesimo posto che valse una salvezza insperata dopo un girone d'andata da brivido. Trentatré anni fa, ma alla fine è cambiato poco: affidarsi a Sir Claudio è sempre un'ottima scelta.