HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » sassuolo » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Juve immobile sul mercato: è la decisione corretta?
  Si, questa squadra non ha bisogno di rinforzi adesso
  No, alla Juventus sarebbe servito un altro terzino
  No, bisognava portare subito Kulusevski a Torino
  No, il club forzi la mano per lo scambio Rakitic-Bernardeschi

Un capolavoro di Dybala stende l'Atletico 1-0: Juve show, è 1a nel girone

Juventus-Atletico Madrid 1-0 (Dybala 45'+2)
26.11.2019 22:51 di Marco Conterio    articolo letto 7715 volte
Fonte: dal nostro inviato all'Allianz Stadium di Torino
Un capolavoro di Dybala stende l'Atletico 1-0: Juve show, è 1a nel girone
© foto di www.imagephotoagency.it
La prima vera Juventus di Maurizio Sarri vince contro l'Atletico Madrid e conquista il primato nel girone Champions con un turno d'anticipo. E' la prima vera Juve di Sarri. Che gioca e abbaglia, luce di Champions, stella d'Europa, ma che da un lato è il gol e l'arcobaleno di Paulo Dybala, dall'altra Cristiano Ronaldo. Che non è ancora un caso, ma che certo è in difficoltà. Bianco e nero, perché la perfezione è solo la gioia ultima e allora i dettagli possono esser presto scordati. Però Dybala, scelto da Sarri in luogo di Higuain, così come Bentancur per Khedira e Danilo per Cuadrado, gode di una serata da grande artista. Al ventesimo fa uno stop che è maradoniano, minuti più tardi ubriaca l'Atletico, fa sbracciare Simeone e s'incunea serpentino nella difesa avversaria. Al quarantacinquesimo batte una punizione da una mattonella dove i giocatori, quelli normali, ma pure quelli solo bravi, crossano o tirano forte in mezzo. Lui no. Quasi dalla linea di fondo spara forte, curvo, infingardo. Oblak non fa l'Oblak ma lì non te l'aspetti e allora viene accecato anche lui da tanta bellezza.

Poi c'è Cristiano Ronaldo, che al sessantesimo ha una prateria davanti. Lui e il portiere avversario, a partire dalla propria metà campo. Come i centometristi, come Ronaldo. Solo che Partey corre, rincorre, recupera. Lo dribbla, poi tira e la palla finisce alle stelle. Lo Stadium alza il volume e grida "Cristiano Cristiano", contro il cielo, perché lassù era abituato a vederlo. Lui ci prova, ma è ronaldo, non Ronaldo. E' in un'altra serata fisicamente e forse anche psicologicamente minuscola. Sicché il cambio al settantaseiesimo, dentro Higuain ma fuori Dybala, è motivo di più spunti. Uno su tutti: Cristiano ha bisogno del gol, di fiducia, perché nell'economia fisica per un robot così non cambiano certo quindici minuti in meno.

Poi c'è la Juventus, che stasera è stata la prima vera Juventus di Sarri mentre l'Atletico Madrid ha vissuto di singhiozzi e di poc'altro. De Ligt e Bonucci, l'intesa è sembrata deliziosa, ogni scelta dell'allenatore azzeccata. Di brividi e occasioni non se ne sono avuti e viste troppe. Però in fondo il Cholismo è questo, lo spettacolo nel dimenticatoio e quel pragmatismo che stasera c'è stato ma non abbastanza. Dall'altra una Juve solida e compatta. Una Joya per gli occhi. Ma con un Cristiano Ronaldo che fatica a essere Cristiano Ronaldo, nel gioco e nei numeri. Quello che conta, però, per la Vecchia Signora è uno solo. Primo posto nel girone con una giornata d'anticipo. Altro che processi. Sorrisi e campioni.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Sassuolo

Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510