Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie b / Cosenza
GdS: "Cosenza, quel furore perduto. C'è un denominatore comune in quasi tutte le sconfitte subite"TUTTO mercato WEB
Caserta
mercoledì 29 novembre 2023, 11:23Cosenza
di Marco Lombardi
per Tuttob.com

GdS: "Cosenza, quel furore perduto. C'è un denominatore comune in quasi tutte le sconfitte subite"

"Cosenza, quel furore perduto. C'è un denominatore comune in quasi tutte le sconfitte subite", titola la Gazzetta del Sud. 

Al 'Ceravolo' è mancata la voglia di pareggiare la grinta messa in campo dai rivali. Era già accaduto nelle precedenti battute d'arresto: un aspetto da migliorare.

Analizzando la genesi delle sconfitte maturate dal Cosenza nell’attuale campionato, è possibile individuare una matrice che lega attraverso un filo molto sottile quasi tutti i kappaò. Cinque sono le volte in cui i rossoblù sono inciampati nelle prime quattordici giornate. In almeno quattro di esse si ha come l’impressione che alla base del risultato amaro vi sia l’incapacità del gruppo di Fabio Caserta di pareggiare il furore agonistico degli avversari, in quel momento sotto pressione per la dinamica di risultati raggiunto alla vigilia del confronto con i silani.
Dopo la sconfitta con il Modena, in cui i rossoblù sono passati in vantaggio per finire poi rimontati in una gara beffarda, la sottile linea rossa ha attraversato gli scivoloni commessi con Brescia, Cremonese, Sampdoria e Catanzaro. I lombardi hanno piegato D’Orazio e compagni all’esordio stagionale, la prima sfida ufficiale dopo gli episodi di giugno e la retrocessione sul terreno di gioco patita proprio contro il Cosenza, apparso al “Rigamonti” scarico mentalmente e fisicamente.
Il terzo stop si è registrato al “Marulla” con la Cremonese, squadra di assoluta caratura per la categoria e certamente avversario molto complicato da affrontare, a maggior ragione dopo tre pari consecutivi ed un cambio in panchina. Anche in quel caso, i rossoblù non sono riusciti a reggere alla forza d’urto rappresentato dalle motivazioni messe in campo dai grigiorossi. In maniera ancor più evidente, è sembrato emergere la stessa problematica nella gara con la Sampdoria. I blucerchiati, in occasione della decima giornata, erano ad una sorta di bivio, in quanto senza vittorie tra il secondo e il nono turno (5 sconfitte e 3 pareggi), con Pirlo sulla graticola. I silani si sono arresi per 2-0 ed il tecnico opposto ha fatto ripartire il suo cammino.
La storia si è ripetuta domenica pomeriggio contro il Catanzaro, un derby per il quale è superfluo specificare l’importanza attribuita allo stesso dai due “campanili”. I giallorossi, arrivati alla sosta con tre sconfitte consecutive sul groppone, hanno lasciato il governo del gioco alla compagine bruzia ma, attraverso determinazione, furore agonistico e cinismo, hanno strappato ciò che più conta: il risultato [...].