Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie b / Catanzaro
GdS - Catanzaro con il rebus in prima linea: Ambrosino si gioca una maglia con BiasciTUTTO mercato WEB
Ambrosino
venerdì 23 febbraio 2024, 10:37Catanzaro
di Marco Lombardi
per Tuttob.com

GdS - Catanzaro con il rebus in prima linea: Ambrosino si gioca una maglia con Biasci

"Catanzaro con il rebus in prima linea: Ambrosino si gioca una maglia con Biasci", titola la Gazzetta del Sud. 

Domani a Cittadella il tecnico Vivarini con il dubbio su chi schierare in attacco accanto al capitano Iemmello.

Ormai Vivarini convive giornata dopo giornata con il suo bel rebus. Ambrosino o Biasci accanto a Iemmello? Anzi, quando il capitano non è al massimo, niente esclude che partano titolari gli altri due, com’è già successo contro l’Ascoli. Ora che sta migliorando la condizione di Donnarumma, le opzioni e i dubbi potranno solo aumentare, ma se i tre elementi più esperti sono l’usato sicuro, Ambrosino è il nuovo che avanza. È la sua crescita che garantisce all’allenatore una valida (e fresca) alternativa che a inizio stagione non c’era.
Non avrà ancora timbrato il cartellino dopo i due gol consecutivi segnati in due sfide al “Ceravolo” alla fine del girone d’andata (contro Pisa e Brescia), ma è chiaramente sempre più coinvolto nel progetto, tanto da giocarne due di fila da titolare non solo per le necessità che ne avevano obbligato l’impiego a dicembre. «Sto trovando più spazio e questo mi rende molto contento, ma l’importante è che la squadra faccia bene. A prescindere da chi va in campo, conta solo che siamo tutti a dare il massimo», ha sottolineato Giuseppe, che dimostra i suoi vent’anni per la timidezza davanti a taccuini e microfoni, non per il modo di allenarsi e di giocare, serissimo, sostanziale, senza eccessi.
Se a Napoli l’hanno sempre tenuto in grande considerazione dopo gli ottimi anni nelle giovanili, un motivo ci sarà. Il resto lo sta facendo in questi mesi Vivarini: «Il mister dopo la sosta mi ha chiesto di aiutare di più la squadra in fase difensiva e mi applicando per migliorare. Io sono qui per fare esperienza nel calcio dei grandi, mi sto ambientando bene anche se il campionato è difficile», ha spiegato l’attaccante di Procida, che proprio dal punto di vista dell’apporto nella fase di non possesso è costretto a dare il 200 percento se non vuole essere schiacciato da uno come Biasci, che corre sempre per due.
Ambrosino non è solo questo: ha i movimenti e l’istinto di un bomber vero (i gol al Pisa e al Brescia sono emblematici) e allo stesso tempo si adatta bene anche da spalla di un altro: «Mi sto trovando bene sia da prima punta che in ruoli diversi, in questo aiuta pure l’ottimo rapporto che ho con i compagni», ha proseguito il numero 70, che ha servito ad Antonini l’assist per la rete contro l’Ascoli e dai suoi colleghi di reparto ha solo da imparare: «Cosa ruberei loro? A Iemmello la lettura del gioco, a Donnarumma l’esperienza, a Biasci la fame che ha di far gol» [...].