Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / serie b / Serie B
Cannavaro: "A Benevento per mettermi in discussione. Le dimissioni? Per fare chiarezza"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 1 dicembre 2022, 11:04Serie B
di Luca Bargellini

Cannavaro: "A Benevento per mettermi in discussione. Le dimissioni? Per fare chiarezza"

Lunga intervista al Corriere dello Sport per Fabio Cannavaro, tecnico del Benevento. L'ex Pallone d'Oro ha raccontato i perché della sua scelta di esordire nel calcio italiano dalla Serie B con la formazione sannita: "Quando non ho accettato di guidare la Polonia, ho fatto una scelta che si è rivelata sbagliata. Poi solo rumors. E mi sono reso conto che mi sarei dovuto mettere in discussione per non restare a piedi un altro anno. Comunque, a convincermi non è stato il presidente, ma il direttore Pasquale Foggia, mio amico. Anche se le ambizioni di Vigorito hanno fatto il resto".

Spazio, poi, ad un'analisi sulle difficoltà affrontate finora: "La squadra era abituata a ragionare poco. Si basava molto sui duelli. Ma non per responsabilità dell’allenatore precedente. Poi gli infortuni a raffica. E non sono i soli. Inoltre non è facile quando si subentra. Vuol dire che qualcosa si è sbagliato all’inizio e rimediare non è scontato".

Infine un chiarimento sulle dimissioni, poi respinte dal club, dopo il match contro il Como: "Un atto dovuto per fare chiarezza. Quando non arrivano i risultati bisogna trarre le conseguenze e assumersi le proprie responsabilità. Io e il direttore sportivo siamo amici. Ma non è stato un tentativo di abbandono. Anzi. Il fatto che sono state respinte le dimissioni ha dato forza a me e responsabilizzato il gruppo".