Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie b / Serie B
Aglietti rimane, Fracchiolla no. Lecco, hai ancora le carte in regola per salvarti?TUTTO mercato WEB
martedì 5 marzo 2024, 09:04Serie B
di Luca Bargellini

Aglietti rimane, Fracchiolla no. Lecco, hai ancora le carte in regola per salvarti?

Non sembra volersi rasserenare l'aria attorno a Lecco, intesa sia come città che come tifoseria. Quello andato in archivio, infatti, è stato un altro weekend sconsigliato ai deboli di cuore. Il ko contro il Sudtirol, il 17° in 28 giornate di campionato ha dato il via all'ennesimo ribaltone. Prima l'esonero di Alfredo Aglietti, arrivato in panchina da quattro gare, poi i contatti con Luciano Foschi, tecnico con il quale il club ha iniziato la stagione dopo la fantastica promozione dell'anno scorso, che torna in città ma solo il tempo di un caffè e di una telefonata da parte del club che annunciava la volontà di riconfermare Aglietti. Il tutto seguito dall'addio ufficiale, del ds Domenico Fracchiolla, alla seconda separazione con la società nel giro di due anni.

Un tourbillon si eventi che non ha, ovviamente, lasciato indifferenti i tifosi che nelle scorse ore hanno affisso uno striscione fuori dal 'Rigamonti - Ceppi' con scritto: "Una società senza rispetto e competenza, ora abbiamo perso la pazienza" a firma del gruppo ultras UnoNoveUnoDue.


Di fronte a tutto questo la domanda che sorge spontanea è questa: ma il Lecco ha ancora le carte per giocarsi la salvezza in Serie B? I punti a disposizione sono ancora 30, a fronte di una distanza dalla zona salvezza di nove lunghezze, ma la sensazione è che non sia una questione meramente aritmetica. Palermo, Cittadella, Reggiana, Venezia, Sampdoria e Modena in casa, Ascoli, Spezia, Parma e Brescia in trasferta sono tutte le formazioni con ancora molto da dire nella stagione e, dunque, a fare la differenza saranno le motivazioni. Della squadra. Dello staff e della società.

Se i primi due comparti, molto probabilmente, hanno ancora tanto da dire, sull'aspetto dirigenzale qualcosa è venuto a mancare. Perché nell'ultimo periodo la confusione che appare regnare al 'Rigamonti - Ceppi' ha reso tutto l'ambiente quanto di più lontano dalla serenità possa esistere. Anche perché, come spesso accade, è il manico a fare la differenza.