Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie b / Serie B
La Top 11 di Serie B - Calò trascina il Cosenza. Gol capolavoro di StrefezzaTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 21 aprile 2024, 14:04Serie B
di Luca Bargellini

La Top 11 di Serie B - Calò trascina il Cosenza. Gol capolavoro di Strefezza

Con sei pareggi per 0-0 e uno per 1-1 la 34ª giornata di Serie B ha regalato solo 16 gol. Quelle che non sono mancate, però, sono le prestazioni dei singoli. Come quella di Gagno, portiere del Modena e assoluto protagonista del match contro l'Ascoli con tanto di rigore parato a Nestorovski. Oppure Calò, cervello pensante del Cosenza che ha asfaltato la Reggiana. Immancabili anche i bomber come il solito Pohjanpalo, oppure Cutrone. Fra tutti, però, spicca Tutino del Cosenza. Di seguito la Top 11 della 34ª giornata di Serie B secondo le pagelle di TuttoMercatoWeb.com.

Modulo: 3-4-3

Gagno (Modena) - Provvidenziale e decisivo. Torna tra i pali dopo mesi di astinenza e lo fa nel migliore dei modi: il rigore neutralizzato è la ciliegina sulla torta di una prestazione eccelsa.

Diakité (Palermo) - Cerca di portare i duelli sul piano fisico, dove è straripante. Sempre attento, non sbaglia praticamente nulla.

Barba (Como) - Bravo in difesa, letale in avanti: sigla il sorpasso dei suoi.

Di Chiara (Parma) - E' uno dei pochi a provare più volte la conclusione, macinando chilometri sulla fascia nonostante fosse rimasto lontano dai campi nelle ultime partite. Attento quando c'è da difendere e sempre presente quando c'è ribaltare il fronte, ottima prestazione nella sua Palermo.

Felici (Feralpisalò) - Grandissimo lavoro sui 90 minuti, realizza un bel gol e fa anche assist.


Calò (Cosenza) - Cuore e cervello del centrocampo, detta i tempi di gioco con maestria, serve l'assist per il terzo gol, ma sfiora anche il goal.

Busio (Venezia) - Prova subito a premere accompagnando la manovra offensiva ed è il più attivo in un primo tempo molto confuso per il Venezia. È il giocatore che si adatta meglio alla fisicità della partita riuscendo a sfruttare anche le sue doti di tenuta atletica. Nella ripresa segna la rete decisiva. Migliore in campo per i lagunari.

Strefezza (Como) - Realizza un gol da campione vero, inoltre è sempre pericoloso sui piazzati.

Tutino (Cosenza) - Un goal, un palo e l'assist per il gol di D'Orazio, sempre pericoloso con la sua velocità e tecnica. Una spina nel fianco della Reggiana. Semplicemente il migliore in campo.

Cutrone (Como) - Sarebbe stato anche 8 se non avesse colpito il palo sul tiro del primo tempo, che ne avrebbe sancito la tripletta che lo avrebbe consacrato come pronto al ritorno in A.

Pohjanpalo (Venezia) - Nel primo tempo non si vede quasi mai. I compagni faticano a servirlo ma lui si muove poco venendo anche ammonito. Un suo controllo sbagliato per poco regala a Novakovich la chance per il raddoppio. Nella ripresa però ha un’occasione e la mette dentro. Non è esattamente un dettaglio e fa 20 in campionato come il numero di maglia.