Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Altre news
Lecco, Aliberti è il nuovo patron: "Non vogliamo galleggiare"TUTTO mercato WEB
mercoledì 12 giugno 2024, 19:30Altre news
di Giacomo Principato
per Tuttoc.com

Lecco, Aliberti è il nuovo patron: "Non vogliamo galleggiare"

Paolo Di Nunno non è più il proprietario del Lecco, lasciato nelle mani dell'imprenditore Aniello Aliberti che si è presentato alla piazza: "Non vogliamo dare le cifre dell’accordo, speso o non speso cambia niente. L’ambizione è sicuramente quella di fare un campionato di Serie C, dignitoso e perché non nella speranza di una promozione? Però non è mia abitudine fare promesse, voglio una squadra che non galleggi ma sia ambiziosa: il calcio non è una scienza esatta, non andremo al risparmio ma non faremo spese folli - riporta Leccochannelnews.it -. Mentre proseguiva la trattativa ero consapevole che saremmo stati in ritardo e che dovremo partire a spron battuto. Abbiamo dei contatti con direttore sportivo e allenatore: dovranno confermare la loro disponibilità, ma non escludo la permanenza di Malgrati.

La mia priorità è il direttore sportivo per mettere insieme la squadra. Sulle strutture, andrebbe rivoluzionato tutto: ci sono vincoli dettati dal Comune, ma ho bellissime idee per rendere più bello lo stadio di quello che è oggi. In parte lo posso fare io, in parte tocca al proprietario di casa: ho avuto diversi dialoghi con il sindaco, non voglio fare polemiche ma appena possibile – a breve – credo sia il caso di preparare un progetto per capire in che modo il Comune può partecipare. I punti fondamentali sono due: estetico per dare un’impronta più bella, poi quello funzionale ma devono nascere degli spazi per migliorare".