Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / ascoli / Ascoli
RdC: "L'Ascoli sfida il Benevento con tante novità in campo"TUTTOmercatoWEB.com
Bucchi
domenica 2 ottobre 2022, 11:28Ascoli
di Marco Lombardi
per Tuttob.com

RdC: "L'Ascoli sfida il Benevento con tante novità in campo"

"L’Ascoli sfida il Benevento con tante novità in campo", titola il Resto del Carlino. 

Il tecnico manda in soffitta il 4-3-3 visto in queste prime sei giornate, si dovrebbe passare al 3-5-2 con Gondo e Dionisi a guidare l’attacco.

L’Ascoli riparte da Benevento e lo fa nel vero senso della parola. Un nuovo campionato. Così il tecnico Bucchi ha definito la tappa odierna che si consumerà al Vigorito con fischio d’avvio programmato alle 16.15 al segnale del fischietto internazionale Fabbri. A sfidare Cannavaro, all’esordio sulla panchina giallorossa, sarà un Picchio completamente rinnovato nella testa e nello spirito. Qualcosa doveva essere rivisto. Era chiaro. Così come lo era il discorso legato alla compattezza dello spogliatoio. Alcune dinamiche avevano rimescolato un po’ le carte rispetto a quegli equilibri divenuti saldi nel corso della passata stagione. Un passaggio inevitabile e imprescindibile dato il cambio della guida tecnica. Uno scotto da pagare per rinnovarsi e riprendere il cammino verso nuovi orizzonti. La sosta del campionato per il Picchio fortunatamente è arrivata nel momento migliore. Offrendo l’opportunità di tirare una linea su ciò che era stato fatto finora, tenere le cose buone e cambiare immediatamente quelle incapaci di girare come dovuto. Il 4-3-3 col passare delle settimane non era più la soluzione tattica ideale per permettere agli attaccanti di esprimere tutto il loro potenziale. Evidente la fatica mostrata nelle ultime gare disputate. La presenza di una sola punta al centro con l’esclusione di Dionisi, i pochi uomini a riempire l’area avversaria e gli scarsi rifornimenti aveva spazzato via quella incisività necessaria per colpire [...].