Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / bari / News
Bocciati Maita e Acampora. La regia? Ora è solo di Benali
domenica 10 dicembre 2023, 22:00News
di Mario Amoruso
per Tuttobari.com

Bocciati Maita e Acampora. La regia? Ora è solo di Benali

La vittoria casalinga contro il Sudtirol ha certamente risollevato il morale a una squadra qausi allo sbando, dato il solo punto raccolto nei tre match precedenti. I galletti, che hanno dovuto ridisegnare lo scacchiere tattico data l’emergenza in attacco, sono scesi in campo con una linea a tre a centrocampo simile a quella proposta nell’insuccesso contro il Lecco.

In una mediana nella quale il solito Koutsoupias, inamovibile mezz’ala che sta sempre di più conquistando i cuori dei tifosi, e in cui uno spento Acampora non pare aver ancora trovato una adeguata posizione in campo, mostrandosi il più delle volte scarico e disattento – reo anche di alcune sbavature tecnico-tattiche che hanno obbligato mister Marino a sostituirlo al via della ripresa – è stato Benali a far tirare un sospiro di sollievo ai suoi grazie a una suntuosa prestazione. Nel ruolo di vertice basso, lì dove Raffaele Maiello è stato il perno indispensabile per i galletti nella passata stagione, i biancorossi sembrano aver trovato l’uomo adatto a impugnare le redini della manovra, ricostruendo un centrocampo con i connotati simili a quelli del Bari visto sotto la guida di Mignani, e stravolto dallo schieramento ideato inizialmente dal tecnico siciliano.

La gara contro i tirolesi, da subito in discesa grazie all’espulsione rimediata nei primi minuti di gioco da Cuomo, è stata una grande dimostrazione di intelligenza tattica e di esperienza per il mediano ex Brescia, che ha saputo giostrare al meglio il gioco, dettando i tempi alla squadra e garantendo sul rettangolo di gioco uno straordinario equilibrio, costante per tutto il corso della gara. Il secondo successo casalingo stagionale, passato anche per i piedi del libico, ne ha consacrato la necessità in una squadra che, con l’infortunio dell’ex Frosinone, aveva perso il suo punto di riferimento davanti alla difesa.

A lasciare perplessità resta l’avvicendamento nel ruolo di terzo di centrocampo, con Acampora prima e Maita poi, sembrati totalmente fuori dalla partita e apparentemente inadeguati – allo stato attuale – per essere i titolari di una compagine che punta alle più alte posizioni della classifica. Con il brillante ingresso in campo dell’ex Steaua Edjouma, e la presenza in panchina di calciatori che non hanno ancora mai potuto mettere piede sul campo con la maglia pugliese, come Astrologo di cui tanto bene di è parlato all’avvio del campionato in corso, fanno tremare la posizione dei due classe ’94, che oltre a soffrire per il continuo ballottaggio rischiano, a causa delle deludenti prestazioni offerte nel recente periodo, di non essere neanche più centrali nel progetto barese.

Restano molti i punti interrogativi in questa squadra, che tuttavia, con un Ahmad Benali nuovamente al centro del progetto e al top della forma, potrà godere di nuova linfa vitale, cercando di mantenere nuovamente una striscia di risultati utili.