Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / benevento / Serie C
Benevento 2°, ma Auteri frena: "A 4-5 dalla fine alzeremo la testa e vedremo dove siamo"TUTTO mercato WEB
martedì 27 febbraio 2024, 13:19Serie C
di Tommaso Maschio

Benevento 2°, ma Auteri frena: "A 4-5 dalla fine alzeremo la testa e vedremo dove siamo"

Ci sono ancora tante partite, a 4-5 dalla fine alzeremo la testa e vedremo dove siamo. Ora testa bassa e pedalare”. Il tecnico del Benevento Gaetano Auteri non si lascia distrarre dal secondo posto conquistato dopo il 4-0 inflitto al Sorrento che ha permesso di sorpassare in un sol colpo Avellino e Picerno, e nel post gara cerca di mantenere i piedi per terra dopo nove risultati utili consecutivi: “L'atteggiamento è stato adeguato anche nel primo tempo, abbiamo fatto un po' di fatica anche se tre-quattro occasioni le avevamo create. Siamo mancati nella coralità, poi siamo cresciuti nel secondo tempo, attaccando la profondità. - spiega Auteri come riporta Ottopagine - Siamo cresciuti collettivamente e abbiamo ampi margini di crescita, tutti stanno migliorando e tutti devono essere bravi ad allenarsi insieme perché il bene supremo è il Benevento. Anche sul piano della mentalità tanto margine di miglioramento”.

Spazio poi alla convivenza fra Ciano e Ciciretti, per la prima volta in campo insieme: “Ciano sa giocare al calcio, anche se da centrale sembrava strano, ma sono ragazzi esemplari, siamo cresciuti nella coralità e nella capacità di destabilizzarli. Ciciretti sa che deve resettare tutto e continuare così. La continuità è quello che conta, quello che s'è perso non torna più”.


Infine un pensiero a Bolsius tornato al gol dopo una lunga astinenza: “Al di là del gol è entrato bene, alcuni hanno bisogno di trovare una dimensione di lavoro. Una tiratina d'orecchie gliel'ho fatta e gli ho parlato. Il mio dovere è di portare tutti avanti. Non rinuncio a queste prerogative”.