Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / bologna / Serie A
Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 24 marzoTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
sabato 25 marzo 2023, 01:00Serie A
di Andrea Piras

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 24 marzo

Il punto su tutte le news di calciomercato della giornata appena andata agli archivi. Tra indiscrezioni, trattative e retroscena ecco le notizie più importanti.
MILAN, C'E' L'INTESA PER SPORTIELLO: QUADRIENNALE PER LUI. JUVENTUS, FRATTESI IL SOSTITUTO DI RABIOT, ALEX SANDRO RINNOVERA'. INTER, SUGGESTIONE LAZIO PER CORREA. ROMA, NIENTE RINNOVO AUTOMATICO PER SMALLING, CAMARA E LLORENTE NON SARANNO CONFERMATI, EL SHAARAWY ATTENDE. TORINO, LE BIG D'EUROPA SU SCHUURS, LA SUA CESSIONE PER FINANZIARE UN ATTACCANTE. FIORENTINA, A GIUGNO SUMMIT COL LECCE PER BASCHIROTTO, AL LAVORO ANCHE PER QUATTRO RINNOVI. BOLOGNA, OCCHI SUL RINNOVO DI DOMINGUEZ

Marco Sportiello e il Milan, ci siamo. L'intesa tra il portiere e il club rossonero è pronta per essere definita tanto che oramai non ci sono più dubbi sul buon esito dell'affare. Il trentunenne è pronto a legarsi con un lungo contratto alla società rossonera per diventare l'alternativa di Mike Maignan e poi un vero e proprio uomo spogliatoio, per chiudere magari l'avventura a Milano. Secondo quanto raccolto da Tuttomercatoweb.com l'intesa è raggiunta per un contratto di quattro stagioni.

La Juventus ha già fatto sapere al Sassuolo e ai suoi agenti di voler puntare forte su Davide Frattesi. Il centrocampista è da tempo nel mirino della Roma, che tra l'altro ha il 30% sulla futura rivendita e dunque un potenziale sconto rispetto ai 30 milioni richiesti, ma in estate i giallorossi non sono riusciti a trovare un accordo lasciando aperto il futuro del 23enne. Per i bianconeri dovrebbe essere il potenziale sostituto di Rabiot, che non ha rinnovato il contratto e potrebbe andare via parametro zero. Certo i dubbi restano molti, anche perché la Juventus non sa se giocherà le coppe e non si sa nemmeno se il francese davvero andrà via. Però a Frattesi piace l'idea di poter approdare alla Juventus e per questo la trattativa potrebbe anche decollare. Salvo inserimenti di terze squadre, come il Manchester United, che da tempo, secondo La Gazzetta dello Sport, lo segue con interesse e potrebbe fare un'offerta appena aprirà il mercato.

Il futuro di Alex Sandro è ancora alla Juventus. Come riporta il Corriere dello Sport, ormai è tutto deciso e sta per scattare il rinnovo automatico del brasiliano, al contrario di quanto sembrava solo qualche settimana fa. L'ingaggio sarà sempre di 7 milioni di euro netti, magari da spalmare su un biennale, ma il difensore resterà a disposizione di Allegri.

Joaquin Correa al termine della stagione lascerà l'Inter e al momento sono principalmente squadre di media fascia inglesi ad aver mostrato interesse nei suoi confronti. Il West Ham di Moyes, prima di tutti, anche se la situazione di classifica spinge a pensare che gli Hammers dovranno aspettare almeno fino a fine stagione per affondare il colpo. Poi c'è l'Aston Villa, che ha già manifestato un certo interesse. In Spagna si è rifatto vivo il Siviglia, altro club che non vive un momento facile. Infine, secondo La Gazzetta dello Sport, ci sarebbe anche la suggestione Lazio, club da cui è partito per 31 milioni con direzione Milano dove il Tucu si è trovato benissimo. Il tutto partendo da una verità assoluta: recuperare la cifra investita per acquistarlo, per i nerazzurri, è oggi impossibile.

Chris Smalling punta a un biennale con la Roma. Come riporta Il Messaggero, il difensore inglese non si avvarrà del rinnovo automatico proprio perché spera di poter firmare un nuovo contratto di due anni. L'offerta messa sul piatto da Tiago Pinto si avvicina ai 3,5 milioni a stagione, includendo però una serie di bonus collettivi e individuali. L'ex Manchester United sta valutando l'offerta, ma ancora non ha dato una risposta definitiva. In caso di rottura, ci pensano soprattutto Inter e club di Premier League.

La Roma ha già deciso: Mady Camara e Diego Llorente non resteranno nella capitale. Arrivati entrambi con la formula del prestito, il centrocampista e il difensore rientreranno rispettivamente all'Olympiacos e al Leeds. Resta da decifrare, come spiega stamane Il Messaggero, anche il futuro di Stephan El Sharaawy e Andrea Belotti, entrambi in scadenza di contratto a giugno 2023: il primo aspetta una chiamata da Tiago Pinto, il secondo deve centrare determinati obiettivi per veder scattare il rinnovo per altri due anni.

Il rendimento di Perr Schuurs col Torino ha fatto dimenticare ai tifosi l'addio di Bremer. La squadra che guida gli assalti sembra essere il Liverpool, con Klopp che lo segue da diversi anni e col club che sarebbe pronto a spendere 50 milioni di euro per il suo cartellino. Oltre ai Reds, vivo l'interesse di Manchester United, Tottenham e PSG. Al giocatore non dispiacerebbe giocare un'altra stagione al Torino, ma di fronte a certe cifre sarebbe dura dire no sia per il club che per il diretto interessato.

Il Torino valuta l'eventuale cessione di Schuurs, con le big di Premier che sarebbero disposte a spendere fino a 50 milioni di euro per il suo cartellino. Con tale ingresso, scrive Tuttosport, il ds Vagnati potrebbe dare il via ai riscatti legati ai prestiti di questa stagione. Nello specifico si tratta di Miranchuk (12 milioni), Vlasic (15) e Lazaro (4,5). In più ci sarebbe anche la liquidità per un colpo in attacco, col nome di Mbala Nzola dello Spezia che resta in cima alla lista: il suo cartellino potrebbe essere preso con 5-6 milioni di euro.


Fiorentina e Lecce si rivedranno a giugno per confrontarsi al tavolo del mercato. Se, come dice la classifica, i pugliesi saranno ancora in Serie A, l’acquisto di Youssef Maleh scatterà per l’obbligo che le due società avevano fissato sul contratto di prestito sottoscritto a gennaio. Si parlerà concretamente anche di un’altra operazione, il passaggio di Federico Baschirotto in viola. Il difensore classe 1996 piace, lo si è capito già nel corso delle manovre di gennaio, e il fatto che fra i due club ci sia già in piedi un’operazione obbligatoria potrebbe essere la chiave giusta per evitare esborsi economici ingenti.

Secondo quanto riportato dal Corriere Fiorentino sui rinnovi di contratto la Fiorentina non ha fretta. Solo a Saponara è in scadenza nel 2023, ma all’orizzonte si profilano questioni da affrontare di un certo rilievo, tanto più in difesa come quelle relative a Igor e Martinez Quarta. Per il brasiliano l'entourage incontrerà la dirigenza nelle prossime settimane, ma il club è tranquillo visto che ha un'opzione per rinnovare dal 2024 fino al 2025, mentre per l'argentino, che vuole giocare il più possibile, si può attendere visto che la scadenza è nel 2025. Per Saponara saranno decisivi i prossimi due mesi con il prolungamento che è più che possibile; infine può tornare d'attualità nelle prossime settimane anche l'accordo di Castrovilli che in estate sarà a un anno dalla scadenza.

Il Bologna è alle prese con i rinnovi di contratto e ultimamente sta pensando in particolare a quello di Nico Dominguez, in scadenza nel 2024. I rossoblù vogliono evitare che si ripeta quanto successo con Svanberg e non hanno intenzione di perdere forza nelle trattative con il giocatore. Altre situazioni sotto esame sono quelle di Orsolini, Soumaoro e Lykogiannis, in scadenza nel 2024, ma anche quelle di Medel, De Silvestri, Soriano, Sansone e Bardi, il cui accordo terminerà nel 2023. Non c'è fretta, la società è convinta di poter trovare un accordo facilmente, ma i primi contatti con l'agente di Medel sono già stati presi a gennaio: l'idea è il prolungamento di un anno.

BAYERN, ESONERATO NAGELSMANN, C'E' TUCHEL CHE FIRMA UN BIENNALE. NDICKA LASCERA' L'EINTRACHT, C'E' IL BARCELLONA IN POLE. MANCHESTER UNITED, RATCLIFFE PENSA A MITCHELL COME DIRETTORE SPORTIVO. AGUERO: "MESSI TORNA AL BARCELLONA? 50% DI POSSIBILITA'".

Adesso è ufficiale: Julian Nagelsmann non è più l'allenatore del Bayern Monaco e il suo sostituto è Thomas Tuchel. Lo comunica con una nota ufficiale la società bavarese, che assieme all'addio all'ex tecnico annuncia anche il profilo del sostituto, già noto da diverse ore. Ecco quanto si legge: "L'FC Bayern ha rilasciato l'allenatore Julian Nagelsmann. Questa decisione è stata presa dal CEO Oliver Kahn e dal ds Hasan Salihamidžić in consultazione con il presidente del club Herbert Hainer. Nagelsmann sarà sostituito da Thomas Tuchel, messo sotto contratto fino al 30 giugno 2025. Lunedì supervisionerà il primo allenamento della squadra. Insieme a Nagelsmann lasciano il club anche gli assistenti Dino Toppmöller, Benjamin Glück e Xaver Zembrod".

L'ingaggio di un difensore centrale mancino è una delle priorità del Barcellona per rinforzare la squadra di Xavi in vista della prossima stagione. Sono due gli obiettivi principali, entrambi in scadenza di contratto a giugno: Inigo Martinez ed Evan Ndicka. Il francese dell'Eintracht, però, ha molti estimatori, e nonostante abbia raggiunto un accordo di massima con i catalani non c'è la certezza che approdi in Spagna. Come riporta Sport, diverse società italiane e inglesi, oltre al solito PSG, fiutano il colpo e la possibile asta potrebbe spingere il Barça a tirarsi indietro.

Paul Mitchell ha annunciato il suo addio al Monaco in una conferenza stampa tenutasi ieri. Il direttore sportivo potrebbe essere l'uomo mercato del Manchester United qualora sir Jim Ratcliffe vinca la sua battaglia con lo sceicco Jassim bin Hamad Al Thani. A riportarlo è The Independent.

Sergio Aguero ha parlato del futuro dell'amico Lionel Messi durante una conferenza stampa indetta a due giorni dalla finale della Kings League, torneo di calcio a 7 organizzato da Gerard Piqué: "Il presidente Laporta dovrebbe impegnarsi. Messi è nato al Barcellona e dovrebbe ritirarsi al Barcellona. Per me c'è il 50% di possibilità che torni. Se il presidente lo vorrà, potrebbe davvero succedere".