Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

UEFA Women's Coach of the Year: Bompastor sfida le ct Wiegman e Voss-Tecklenburg

UEFA Women's Coach of the Year: Bompastor sfida le ct Wiegman e Voss-TecklenburgTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
mercoledì 17 agosto 2022, 14:55Calcio femminile
di Tommaso Maschio

La UEFA ha annunciato il terzetto finaliste per il titolo di Women's Coach of the Year. Si tratta di tre donne con Sonia Bompastor del Lione, con cui ha trionfato in UWCL, a fidare le due ct finaliste dell'ultimo Europeo: la favorita Sarina Wiegman dell'Inghilterra e la tedesca Martina Voss-Tecklenburg - Queste le motivazioni e la classifica della UEFA:

Sonia Bompastor (Lione)
Dopo essere stata direttrice dell'accademia dal suo ritiro nel 2013 da una carriera da giocatore stellare, Bompastor è stata promossa a capo allenatore nell'aprile 2021, non molto tempo dopo che i cinque anni di regno del Lione, detentore della UEFA Women's Champions League, erano stati interrotti dal Paris Saint-Germain, che stava per privare OL del titolo francese per la prima volta da quando è entrata a far parte del club come centrocampista nel 2006.
Alla fine della prima stagione completa di Bompastor, le lionesi avevano riavuto entrambi i trofei, eclissando il Parigi sia in campionato che in semifinale UEFA e battendo il Barcellona detentore e favorito nella finale di Torino .

Martina Voss-Tecklenburg (Germania)
Dopo aver iniziato la sua carriera di allenatore portando il Duisburg alla vittoria della Coppa UEFA femminile 2008/09 e in seguito ha guidato la Svizzera ai suoi primi tornei importanti nel 2015 e nel 2017, Voss-Tecklenburg ha rilevato la sua nativa Germania nel 2019. Quattro volte vincitrice di Women's EURO come giocatrice, è arrivata ad un asso dal portarle alla vittoria come allenatore in Inghilterra a luglio. Hanno superato un girone con Danimarca, Spagna e Finlandia prima di eliminare Austria e Francia, per poi cadere 2-1 ai supplementari contro l'Inghilterra a Wembley. Tuttavia, nel corso della loro corsa, la Germania ha dimostrato di essere ancora una volta una forza importante nel continente.

Sarina Wiegman (Inghilterra)
Wiegman, che ha guidato la sua nativa Olanda alla vittoria casalinga a UEFA Women's EURO 2017, ha lasciato quel ruolo per prendere il controllo dell'Inghilterra un anno fa. In un'incredibile stagione di imbattibilità, in cui le Lionesses hanno segnato più di 100 gol, Wiegman ha nuovamente portato al successo le squadre ospitanti di Women's EURO, guadagnando all'Inghilterra il suo primo trofeo importante a Wembley a luglio. Lungo la strada l'Inghilterra ha segnato il record del torneo di 22 gol, subiti solo due volte, vincendo tutte le partite con uno stile di calcio entusiasmante che è stato seguito da un pubblico record con Wiegman in grado di nominare lo stesso XI per iniziare ogni partita. Sono anche sul punto di qualificarsi per la Coppa del Mondo femminile FIFA 2023, in cui la squadra di Wiegman sarà una delle favorite per andare meglio della sua seconda Olanda nel 2019.

Il resto della top 5
4 Jonatan Giráldez (Barcelona) – 27 points
5 Tommy Stroot (Wolfsburg) – 22 points