HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo…

12.02.2019 23:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 70117 volte
© foto di Alessio Alaimo

Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti tra giornalisti, non giornalisti, esperti, non esperti, televotanti, altri.

Anche io ero un giurato della sala stampa. Da quando è venuto fuori il casino mi succedono cose strane. Uno oggi per strada mi ha detto “non la stimo più perché non ha fatto vincere Ultimo. Si vergogni, lei è parte del complotto”. Gli ho risposto: “Mi scusi, non era mia intenzione…”. La gente è molto arrabbiata, un altro mi fa: “Voi giornalisti avete gridato “stronzi” a quelli del Volo. Vergogna!”. Io ho risposto: “Ma io non ho detto “stronzi” a nessuno, cazzo vuole?”. E lui mi ha guardato come se avessi la pellagra. E un altro ancora: “Ho visto che hai fatto la foto con Achille Lauro che è un drogato, vergognati, che esempio dai?”. Ho risposto: “Mi scusi, ma che ne sa lei, ha fatto l’analisi del capello?”. E lui mi ha risposto: “Lo ha fatto capire la televisione con le inchieste sulla canzone Rolls Royce!”. A quel punto gli ho detto “guardi, ho la pellagra, le conviene allontanarsi”. E quello se n’è andato. Il fatto è che non sopporto molto le moderne inchieste d’assalto, ma son gusti, per carità.

Comunque, il Festivàl di Sanremo è un avvenimento molto pericoloso e, infatti, alla fine sono tornato volentieri a Milano e mi sono rituffato nelle mie cose calcistiche. Appena sceso dal treno sono finito in trasmissione e la prima domanda è stata: “L’Inter ha molti problemi, sembra proprio che non ci sia soluzione, come si fa ora? L’Inter è nei guai, come si affronta la crisi? Eh? Eh? Eh?”. Ho pensato che Achille Lauro non è un drogato, ma io invece dovrei cominciare.

Bene, parliamo “del calcio” che in fondo mi pagano (poco) per questo. Prima però vorrei rivolgermi all’editore. Signor editore posso avere un aumento? Le ultime dieci volte mi hai risposto di no, ma ora la invito a darmelo, tanto non sono capace di mandare le fatture elettroniche e quindi in realtà è come se non mi pagasse più. Cioè, io ci ho provato ma è tutto inutile. Ho come il sospetto che la fattura elettronica sia un’invenzione per far lavorare gratis la gente. Ma torniamo al calcio.

La Juve ha ufficialmente preso Ramsey. Gli costa assai poco di cartellino e non poco di ingaggio. L’acquisto è parecchio interessante e in qualche modo aumenta il solco tra bianconeri e resto della truppa tricolore. Lo fa “virtualmente”, perché il giovanotto arriverà la prossima stagione, ma sono segnali chiari: che vinca la Champions o non la vinca, la Juve non ha nessuna intenzione di prendersi una pausa (né di fermarsi sul mercato: Marcelo pressa…).

E uno dice: perché Ramsey non l’ha preso nessun altro? Semplice: nessuno in Italia può permettersi un ingaggio siffatto, così come nessuno può dire a un giocatore “senti, ti paghiamo uno sproposito per giocare con Ronaldo”. Beata la Signora, che ci volete fare, ma non pensate che dipenda dalla fortuna: per arrivare a quel punto a Torino si sono fatti un popò non indifferente, hanno indovinato i piccoli acquisti, vinto, aumentato il fatturato, sono passati ai “medi” acquisti, poi a quelli grandi e grandissimi. L’unica soluzione per gli altri, più che “invidiare” o “accusare” è provare a “copiare”, ma questa cosa, va detto, è molto più facile scriverla che metterla in pratica.

Di sicuro ci proverà Marotta, che della Juve è stato principale “benefattore”. All’Inter si è ritrovato una situazione complicata, ma del resto non pensava certamente di finire nel Paese dei Balocchi. L’ad non ha certamente apprezzato l’uscita di Spalletti su “Icardi e il rinnovo da portare a termine” e, certo, dovrà utilizzare tutta la diplomazia del caso per tenere calme le acque nell’ottica dei due obiettivi stagionali ancora da raggiungere: 1) La qualificazione alla prossima Champions. 2) Un cammino in Europa League che sia il più possibile “virtuoso”. E poi? Poi sarà il momento dei cambiamenti: dentro lo spogliatoio e pure fuori. Un giocatore tra quelli “importanti” è probabile che venga sacrificato per dare il via a un nuovissimo mercato “in entrata”. Ve lo dice uno che in passato ha sempre scritto “nessuno verrà sacrificato, fidatevi”, ma questa volta intuisce un cambio di atteggiamento: per arrivare a cambiare la “testa dello spogliatoio” serve più di un ritocco, servono giocatori giovani e comunque costosi (Barella è vicino, Chiesa meno ma piace assai, Dybala un sogno marottiano assai difficile realizzare, ma reale) e altri che portino esperienza maxima (Godin, ma non solo). Il sottoscritto detesta le balle del compra-vendi, ma la prossima sessione di acquisti sarà certamente significativa (badate bene: non clamorosamente dispendiosa, ma rivoluzionaria quanto a “pilastri cui affidare il definitivo salto di qualità”).

Mi si consenta di fare quello che si incazza un po’. Ecco, mi incazzo, e sapete perché? Perché leggo: “Quanto è bravo Gattuso, porca miseria è davvero bravissimo”. Ecco, il qui presente si incazza perché gran parte dei nuovi soloni, due mesi fa, sputazzava su “quello lì, generoso ma impreparato” e speravano che Conte non fosse solo un’ombra, ma diventasse al più presto realtà. Ebbene, ora l’ombra è altrove, ma qui ci si incazza perché è facile intuire quel che accadrà. Alla prima giornata storta i “soliti” torneranno a rompere le balle e fingeranno di non vedere quel che è capitato al Milan: dopo anni e anni i rossoneri sono una vera squadra, hanno un obiettivo chiaro in testa e non si perdono tra stupide divisioni, dentro e fuori dallo spogliatoio. E il merito di tutto questo è proprio di Gattuso, che ha condotto la nave nei mesi della burrasca e ora, aiutato da un gran bel mercato invernale, prepara lo sprint finale verso la qualificazione alla prossima Champions. Dovesse arrivare al traguardo, fategli una statua: per come stavano le cose realizzerebbe un vero miracolo.

Non ho molto altro da aggiungere, anche perché a Sanremo dormire è impossibile e ho 3424 ore di sonno arretrato. Vi lascio ricordandovi che questo è il Paese dove si litiga per le canzonette e si giudica in base alle apparenze. L’altro giorno avevo appuntamento con Achille Lauro. Era alla 24323esima intervista, sempre le stesse domande. Tocca a me. Penso: “Gli devo chiedere ancora della droga, del plagio, ora mi manda affanculo”. Mi guarda e mi dice "non ti preoccupare". Poi scherziamo sui suoi occhiali e il tempo passa che è un piacere. Gentile, simpatico, rispettoso: no, i tatuaggi non fanno il monaco.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510