Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / L'esclusiva
LAZZARI A RFV, Vincere uno scontro diretto darebbe grande fiduciaTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
sabato 24 febbraio 2024, 16:00L'esclusiva
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

LAZZARI A RFV, Vincere uno scontro diretto darebbe grande fiducia

Andrea Lazzari a Radio FirenzeViola
00:00
/
00:00

L'ex centrocampista viola Andrea Lazzari è intervenuto a Radio Firenzeviola, durante "Firenze in campo" per parlare di Fiorentina-Lazio e dei temi viola: "Quando riesci a vincere gli scontri diretti hai un'iniezione di fiducia ed è un bel colpo all'avversario. Come si gestiva la crisi? Cercando di stare sereni e tranquilli, consapevoli delle capacità che se lotta per le zone alte significa che c'è del contenuto, i giocatori devono credere nei loro mezzi per venire fuori dal periodo negativo"

Come si vive il mercato da giocatore? "Se arrivava uno forte veniva vissuto come una sfida positiva e fa piacere allenarsi con campioni e aumentano le aspettative di arrivare più in alto, come quando per me arrivarono Diamanti e Gilardino"

La Fiorentina può qualificarsi? "Bisogna vedere il percorso delle altre, come Atalanta o Bologna,e cosa accade negli scontri diretti. Ma la Fiorentina ha una rosa per lottare fino alla fine"

Quando giocava lei, a gennaio arrivò Salah, che giocatore era? "Nessuno pensava che avesse queste qualità, io l'ho scoperto giocandoci insieme. Appena capite certe dinamiche è stato un crescendo. Contano gli scouting, per prendere o vedere giocatori che non giocano nelle squadre di appartenenza ma ha delle doti che si intravedono"

Kayode? "Merito anche degli allenatori del giovanile, come ad esempio Aquilani. Quando arriva un giovane dal settore giovanile è importante. Ricordo quando arrivò Benranrdeschi in prima squadra dopo un percorso di prestito".

PER L'INTERVISTA COMPLETA ASCOLTA IL PODCAST