Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / hellasverona / Serie A
L'Hellas scopre Perilli e torna a blindare la porta. Ma le condizioni di Ngonge preoccupanoTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca 2023
lunedì 6 marzo 2023, 08:45Serie A
di Luca Chiarini

L'Hellas scopre Perilli e torna a blindare la porta. Ma le condizioni di Ngonge preoccupano

Tutto cristallizzato. Il pareggio contro lo Spezia lascia sostanzialmente invariati gli equilibri nella lotta salvezza: l'Hellas non ha sfruttato al massimo l'occasione e rimane in zona retrocessione, ma l'aver evitato il peggio - ovvero scivolare a meno sei dal quartultimo posto - consente di mantenere accesa la speranza di riuscire a mantenere la categoria.

Porta inviolata e Perilli protagonista
La nota più lieta della sfida di ieri è stato indubbiamente il clean sheet, il quarto di questo 2023. Dopo i k.o. con Roma e Fiorentina, la squadra è tornata a blindare la propria porta. Grazie al contributo dei tre centrali, ma anche ad un protagonista inatteso: Simone Perilli, schierato titolare in extremis dopo il forfait di Montipò provocato da un attacco febbrile. Il portiere romano, al debutto assoluto in Serie A, ha compiuto un grande intervento nel finale su una conclusione a giro di Amian, scongiurando un colpo che in quel momento della gara sarebbe stato esiziale.


Il punto su Duda e Ngonge
La moderata soddisfazione per il punto raccolto in Liguria si mescola alla preoccupazione per Cyril Ngonge. Il belga è stato costretto ad alzare bandiera bianca dopo una manciata di minuti per un infortunio alla caviglia rimediato in uno scontro ruvido con Ekdal. Le sensazioni non sono positive: al momento del cambio l'ex Groningen era molto dolorante, tanto da abbandonarsi addirittura alle lacrime. Nelle prossime ore si sottoporrà ad accertamenti o strumentali: le tempistiche (oggi o domani) dipenderanno soprattutto da quanto si gonfierà l'articolazione. Maggiore ottimismo, invece, per Ondrej Duda: lo slovacco è uscito per un pestone che non sembra destare grande preoccupazione. Nel suo caso non dovrebbero essere necessari gli esami, ma anche le sue condizioni verranno rivalutate nelle prossime ore.