Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / La Giovane Italia
Paolo Ghisoni: "L'Inter di quest'anno gioca... come Sinner"TUTTO mercato WEB
sabato 2 dicembre 2023, 09:30La Giovane Italia
di La Giovane Italia

Paolo Ghisoni: "L'Inter di quest'anno gioca... come Sinner"

Il direttore de La Giovane Italia è stato ospite di una delle ultime puntate di Maracanà, trasmissione in onda ogni pomeriggio su TMW Radio.
Il direttore de La Giovane Italia Paolo Ghisoni è stato ospite di Maracanà, consueto appuntamento pomeridiano di TMW Radio condotto da Marco Piccari e Stefano Impallomeni.

Dopo il pareggio in rimonta contro il Benfica, l'Inter si prepara ad affrontare il Napoli in quello che si può banalmente definire come "big match" di giornata. In studio è stata posta una domanda che, già nei giorni scorsi, era stata presentata anche a Simone Inzaghi in conferenza stampa: meglio la seconda stella o un'altra finale di Champions?


Ecco il pensiero di Ghisoni: "Mi prendo la finale di Champions, ma più per un ragionamento basato sul campo e su quello che ho visto. Dopo la finale dello scorso anno, l'Inter gioca ora con una personalità e una tranquillità quasi... alla Sinner, per fare un paragone con un giocatore che ha scritto recentemente la storia del tennis italiano. Ogni tanto c’è lo spavento, come successo con Djokovic o, ritornando ai nerazzurri, al debutto in Champions contro la Real Sociedad, ma quando passa lo spavento poi gioca con un altro piglio. Non ho la controprova che, la finale persa a Istanbul, abbia generato questo tipo di "garra", ma credo che l’Inter sia riuscita ad abbandonare, dietro di sé, tutti i fantasmi del primo anno di Inzaghi, nel quale giocò bene fino a un certo punto della stagione, arrivando potenzialmente a +10 con la vittoria nel derby, salvo poi perdere il campionato".