Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / lazio / News
Budoni: "Cambiano giocatori, allenatori e presidenti, ma la Lazio resta. Se giocassi oggi..."
sabato 1 ottobre 2022, 11:00News
di Lalaziosiamonoi Redazione
per Lalaziosiamonoi.it
fonte Niccolò Di Leo - Lalaziosiamonoi.it

Budoni: "Cambiano giocatori, allenatori e presidenti, ma la Lazio resta. Se giocassi oggi..."

Una passione che ha nel cuore fin dalla nascita, una fede che con il tempo si è rafforzata e che è diventata stile di vita. Riccardo Budoni, ex portiere biancoceleste dal 1978 al 1980, non ha mai nascosto di essere un grande tifoso della Lazio, un giocatore che ha avuto l'onere e l'onore di esordire con la maglia del suo cuore, seppur in un momento complicato della storia. Un ragazzo che conosceva l'importanza di indossare e vivere quella storica maglia e che, in esclusiva ai nostri microfoni, non ha esitato nel ripetere quei concetti di lazialità che dovrebbero essere ben saldi nella testa e nel cuore di tutti i giocatori:

"Si dice sempre, giustamente, che cambiano i presidenti, i giocatori e gli allenatori ma quello che rimane è la S.S. Lazio. Questo deve essere quello che, chi arriva in biancoceleste, deve capire, deve essere in grado di vivere l'importanza di questa maglia, quanta storia c'è dietro e quanta sofferenza hanno avuto i tifosi nel seguirla. Questo è evidente anche nella passione del pubblico. Io penso che se avessi avuto l'opportunità, in questo periodo, di essere un calciatore della Lazio mi sarei gasato talmente che avrei toccato il cielo con un dito, pur di far contenta questa gente. La Lazio non è un punto di arrivo, ma un non di partenza"