Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / News
Lazio, Gilardoni: "La stampa ci prende in giro. Basti pensare a..."TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 11 dicembre 2023, 12:15News
di Niccolò Di Leo
per Lalaziosiamonoi.it

Lazio, Gilardoni: "La stampa ci prende in giro. Basti pensare a..."

Intervenuto ai microfoni di Radiosei, Alessio Gilardoni, nipote dell'ex dirigente biancoceleste Nanni Gilardoni, ha commentato il momento attuale della Lazio, soffermandosi su alcuni episodi arbitrali che non hanno avuto dalla stampa l'eco meritato:

"Vengo da una famiglia di laziali DOC, ma devo ammettere che purtroppo adesso mi annoio allo stadio. E’ una Lazio che va poco in verticale, che è lenta anche se avrebbe i mezzi per proporre un gioco migliore di questo. Ieri sera abbiamo assistito a due espulsioni nette in Roma-Fiorentina che si sono trasformate in due situazioni “al limite” per la stampa. Contro la Salernitana ad esempio Gyomber andava espulso, ma dopo la partita la stampa ha quasi ignorato il fatto. Una vera presa in giro, tanto è vero che l’allenatore lo ha subito sostituito nel secondo tempo".

IL CONFRONTO - "Per quanto riguarda Felipe Anderson non è certo il primo anno che vive di alti e bassi e anche io non penso che il rinnovo contrattuale non incida in alcun modo sul rendimento. Noi ci lamentiamo tanto del fatto che la Lazio quest’anno subisce molte rimonte, ma lo scorso anno accadevano le stesse cose. La differenza è che la produzione offensiva della Lazio era grandemente superiore a quella di quest’anno e quindi le partite alla fine le vincevi. Quest’anno invece la palla viaggia più lentamente e in attacco si fa sempre la scelta sbagliata. Ecco perché lo notiamo di più".