Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / roma / Serie A
Roma, il dilemma del portiere: Rui Patricio non è al top e Svilar non convinceTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 1 dicembre 2022, 08:30Serie A
di Dario Marchetti

Roma, il dilemma del portiere: Rui Patricio non è al top e Svilar non convince

Il solito vecchio problema. Non quello del gol che per fortuna di Mourinho risale solo alla stagione in corso, ma quello relativo ai pali. Perché dopo un anno in cui Rui Patricio sembrava finalmente aver rimesso apposto ogni cosa, ecco che i fantasmi del passato ritornano con il portoghese non impeccabile come nella prima stagione in giallorosso e diventato la seconda scelta del Portogallo, tanto da non giocare neanche un secondo in Qatar. E chi fa le sue veci, almeno nella Capitale, fin qui non ha dato le risposte che si aspettavano a Trigoria. Svilar, infatti, ad oggi ha giocato solo una partita ufficiale, peraltro nemmeno convincendo, tornando poi in campo nella tournée, dove anche in questo caso, soprattutto nella seconda amichevole con i Marinos non è stato né fortunato né bravo per via di un autogol rocambolesco e di una papera.

Una situazione, quella dei portieri, che a fine stagione spingerà la Roma a delle valutazioni, anche perché Rui Patricio andrà a scadenza nella prossima stagione e qualora Svilar continuasse a non convincere sarebbe necessario un investimento per un primo portiere con il portoghese a fare da rincalzo. Certo sembrano lontani i tempi in cui in giallorosso il titolare era Szczesny il secondo Alisson. Dal loro addio, la Roma non è mai riuscita a trovare soluzioni continue se non quella estemporanea di Mirante che comunque era stato preso per far panchina. Con Rui Patricio, almeno lo scorso anno, il problema sembrava risolto, ma la speranza di Mou è che dopo il Mondiale torni quello concentrato e senza sbavature della passata stagione. A giugno, poi, si capirà se intervenire e che in modo sul mercato.