Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / roma / Serie A
Siviglia-Roma 5-2 d.c.r, le pagelle: Suso cambia la gara, Ibanez spreca due volte dal dischettoTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 1 giugno 2023, 07:00Serie A
di Giacomo Iacobellis

Siviglia-Roma 5-2 d.c.r, le pagelle: Suso cambia la gara, Ibanez spreca due volte dal dischetto

Siviglia-Roma 5-2 d.c.r. (1-1 d.t.s.)
(35' Dybala, 55' aut. Mancini)


Le pagelle del Siviglia (di Paolo Lora Lamia)

Bono 7,5 - Il migliore dei suoi, per qualche parata calata nel corso dei 120 minuti ma soprattutto per quanto fatto nella lotteria dei rigori. Respinge infatti il tiro di Mancini e sfiora quello di Ibanez, che va sul palo.

Jesus Navas 6,5 - Ottima prova sulla corsia di destra, dove garantisce una spinta costante condita da diversi cross invitanti per le punte. Dal 95' Montiel 7 - L'uomo del destino, come al Mondiale. Pensa quasi solo a difendere nella sua zona di competenza, per poi realizzare il rigore che regala l'Europa League al Siviglia.

Bade 6 - Gara di buona solidità a protezione della porta di Bono. Non cala di concentrazione con il procedere del match.

Gudelj 6 - Qualche problema in mezzo all'area, dove nel primo tempo rischia con un intervento ai danni di Abraham. Meglio nel corso della ripresa, esce stremato ad un soffio dai rigori. Dal 127' Marcao sv.

Telles 6 - In avvio spinge rispetto a Jesus Navas, soffrendo nel momento in cui la Roma si propone dalla sua parte. Più intraprendente dopo l'intervallo. Dal 95' Rekik 6 - Finale di gara attento sulla sinistra, dove la squadra di Mourinho spinge con maggiore continuità nei supplementari.

Fernando 6 - Garantisce sostanza in mezzo al campo, accompagnando anche l'azione offensiva soprattutto dalla seconda frazione di gioco in poi. Dal 128' Jordan sv.

Rakitic 6 - Primo tempo dai toni contrastanti, perché perde la palla da cui nasce l'azione del vantaggio giallorosso e poi sfiora il pareggio con un bolide dalla distanza che si stampa sul palo. In generale, non è tra i più brillanti.

Ocampos 6 - In molte occasioni aiuta En-Nesyri a riempire l'area ma, esattamente come il compagno, ha vita dura contro i centrali giallorossi. Più incisivo con il procedere del match e, nella lotteria dei rigori, realizza il primo.

Torres 5 - Giostra tra le linee, non accendendo però la manovra del Siviglia come necessario nel corso del primo tempo. Dal 46' Suso 6,5 - Tra i migliori nella formazione di Mendilibar, per l'impatto che fin dal suo ingresso in campo. Mette il piede in molte azioni, sia in fase di rifinitura che conclusiva.

Bryan Gil 5 - Parte dal settore di sinistra per poi farsi vedere anche dall'altra parte, senza però riuscire ad incidere. Dal 46' Lamela 6 - L'ex della serata non aumenta di molto la pericolosità dell'attacco del Siviglia. Cresce nei supplementari e ha il merito di segnare uno dei rigori.

En-Nesyri 5,5 - Francobollato principalmente da Smalling, fatica a creare problemi dalle parti di Rui Patricio e si limita solo ad un'occasione e qualche sponda per i compagni.

José Luis Mendilibar 7 - Arrivato di certo non con le luci dei riflettori accese, porta in salvo il Siviglia il campionato e trascina gli andalusi alla settima vittoria in Europa League. Un capolavoro.


Le pagelle della Roma (di Giacomo Iacobellis)

Rui Patricio 6 - Inoperoso per un tempo, rischia qualcosa nella ripresa. Che spavento nel finale del secondo tempo, quando non riesce a fermare il tiro da fuori di Suso. Ai rigori lo battono tutti gli avversari chiamati al tiro.

Ibanez 5,5 - La sua fase difensiva stavolta è da incorniciare, ma sulla sua prestazione pesa non poco la svirgolata da distanza ravvicinatissima dopo una mischia in area. Match point sbagliato durante i tempi regolamentari e ancora di più dal dischetto nella lotteria dei calci di rigore che lo vede protagonista in negativo.

Mancini 5 - Erge un muro dinanzi alla porta di Rui Patricio e al 35' si trasforma pure in assist-man mettendo Dybala davanti alla porta per il gol dell'1-0. Peccato per quel goffo autogol che costa il pareggio alla Roma e, soprattutto, per quel calcio di rigore sbagliato che gli abbassa ulteriormente il voto.

Smalling 7 - La sua esperienza, insieme alla sua forza nel gioco aereo, è una componente imprescindibile per la Roma. Anche contro il Siviglia si trasforma in un vero e proprio gigante, arrivando su tutti i palloni (o quasi) che transitano nella sua area. Man of the match giallorosso, colpisce pure una traversa negli ultimissimi minuti.

Celik 5,5 - Spinge il giusto sulla destra. Sebbene sia prezioso il suo lavoro di copertura per limitare Bryan Gil, non convince a posteriori la scelta di averlo preferito a El Shaarawy o Zalewski (Dal 91' Zalewski 6 - Il laterale polacco entra col giusto approccio e partecipa fin da subito alla manovra giallorossa. Tanta spinta sulla corsia di destra e nessuna paura degli avversari, nonostante il divario a livello d'età e di blasone).

Cristante 6,5 - Lotta come un gladiatore da ogni parte del campo, come quando alla mezz'ora resiste alla carica di un avversario proteggendo Mancini per l'assist dell'1-0 come farebbe un fratello maggiore. Segna pure il rigore finale, e purtroppo per la Roma è l'unico giallorosso a riuscirci.

Matic 6,5 - Allenatore in campo di questa Roma, l'ex Manchester United anche contro il Siviglia disputa una prestazione a tutto tondo. Difende, recupera, costruisce, attacca e aiuta i compagni a posizionarsi. Esce stremato alla fine del secondo tempo supplementare, cosa chiedergli di più? (Dal 120' Bove s.v.).

Spinazzola 5,5 - Il pallone per segnare l'1-0 dopo neanche un quarto d'oro gli capita sul piede sbagliato. Non ha altrettanti alibi però per la leggerezza con cui gestisce un paio di situazioni delicate sulla trequarti, oltre a non attaccare la fascia sinistra come ci ha abituati ormai da anni (Dal 107' Llorente s.v.).

Pellegrini 6 - Più in ombra rispetto ai compagni di reparto, il capitano giallorosso ci mette il cuore e fa tanto lavoro sporco (Dal 106' El Shaarawy 5,5 - Il Faraone potrebbe essere la carta giusta per scompaginare le strategie difensive di Mendilibar e del Siviglia, ma alla fine di lui non c'è alcuna traccia in questa partita).

Dybala 6,5 - Mourinho rischia tanto schierandolo dal 1' nonostante non sia al meglio fisicamente, ma l'argentino in poco più di mezz'ora dimostra di essere fondamentale anche a mezzo servizio. Sull'imbeccata di Mancini al 35', la sensazione comune è che Dybala sia destinato a segnare ancora prima di calciare in porta. Nella sua gara però c'è questo e poco altro. Le lacrime in panchina durante i rigori la dicono lunga su quanto di più avrebbe voluto fare e dare (Dal 68' Wijnaldum 6 - Mourinho lo getta nella mischia nel ruolo di trequartista e l'olandese risponde con una prova di leadership, ma la qualità rispetto all'ex Juve è nettamente inferiore).

Abraham 5,5 - Nel primo tempo dialoga bene con gli esterni e prova a far salire la squadra grazie ai suoi mezzi fisici e tecnici. Ci mette grande spirito di sacrificio, anche se come spesso accade la sua pericolosità in area alla fine è quasi nulla (Dal 75' Belotti 6 - Entra con la fame di un leone, più che di un gallo, e nel finale del secondo tempo ha pure un'occasionissima al volo per deciderla. Parata salvarisultato di Bounou).

José Mourinho 6 - Il "Re di Coppa" contro il Siviglia subisce la sua prima delusione, perdendo per la prima volta una finale europea. Lo Special One l'aveva preparata bene, mettendo in campo una squadra organizzata e intelligente tatticamente. Giusta la scelta di puntare su Dybala, non a caso autore del gol dell'1-0, anche se nella ripresa i giallorossi hanno lasciato davvero troppo campo alla reazione andalusa. Con questi uomini a disposizione e tutti gli infortunati avuti dalla Roma nell'ultimo periodo, è impossibile non premiare il suo percorso europeo con un 6 in pagella. Nonostante la sconfitta finale.