Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / salernitana / Serie A
Il Napoli chiude in bellezza: tris allo Spezia al Picco, ma festa rovinata dagli scontri sugli spaltiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 22 maggio 2022, 14:31Serie A
di Niccolò Pasta

Il Napoli chiude in bellezza: tris allo Spezia al Picco, ma festa rovinata dagli scontri sugli spalti...

Quella del Picco doveva essere una partita di festa, tra un Napoli in Champions che salutava Faouzi Ghoulam e Lorenzo Insigne all’ultima in azzurro e uno Spezia già salvo, avvolto dal calore del suo popolo. È stata invece una brutta giornata, che nel primo tempo ha visto un episodio da condannare e che ha portato alla sospensione per circa quindici minuti della partita. Dopo vari cori di ambo le tifoserie, di stampo discriminatorio, dal settore ospiti sono iniziati a volare in direzione della curva dello Spezia e del terreno di gioco alcuni fumogeni, prontamente rilanciati nel settore dei napoletani dagli spezzini. Il ping pong ha portato al degenero, dopo che già nel pre gara c’erano stati scontri tra le parti. I tifosi del Napoli hanno poi iniziato a lanciare seggiolini e aste di bandiere nel settore degli spezzini, che hanno risposto con altri cori discriminatori e con il lancio indietro di vari oggetti. Nel mentre la partita è stata sospesa per più di dieci minuti, con calciatori e allenatori sotto il settore più caldo a placare gli animi. La partita è poi ripresa, con un Napoli molto più in palla che ha realizzato altre due reti - dopo l’iniziale gioiello di Politano, in slalom e tiro a giro - con Zielinski e con Diego Demme.

Ritmi più bassi, più Spezia nel secondo tempo
La ripresa si riapre con ritmi molto più bassi e uno Spezia più voglioso e propositivo. La squadra di Thiago Motta prova a chiudere il Napoli nella sua metà campo, alla caccia del gol della bandiera. Ci prova subito Kiwior da fuori, poi è Manaj a tentare la via della rete. L’albanese ha diverse chance, con le maglie della difesa del Napoli molto più larghe, ma solo contro Meret non riesce mai a trovare il gol. A metà ripresa è il momento di Lorenzo Insigne, che prende il posto di Politano e si prende gli applausi di tutto lo stadio. È girandola di cambi, con Thiago Motta e Spalletti che regalano tanti applausi ai propri protagonisti. Nello Spezia esce Erlic, accolto da un’ovazione del pubblico nell’ultima in bianco, poi è il turno di capitan Maggiore mentre nel Napoli entrano Osimhen e anche il portiere Marfella, così come Zovko nei liguri. Nella partita non succede molto altro: Manaj non riesce proprio a trovare il gol della bandiera, andando a sbattere contro la traversa e al fischio finale le squadre ringraziano le proprie tifoserie, placatesi nel secondo tempo.