Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / Editoriale
Dia, siamo tutti con te. Ma ora torna a far parlare il campo
mercoledì 27 settembre 2023, 00:00Editoriale
di TS Redazione
per Tuttosalernitana.com

Dia, siamo tutti con te. Ma ora torna a far parlare il campo

A cura di Claudia Marrone

Dopo due settimane, eccomi di qua, ad allietare (o almeno spero) il vostro inizio di giornata. Seppur per pochi minuti. O quanto meno, a creare un piccolo dibattito, perché alla fine il confronto è sempre buono e positivo; fintanto rimane - e sarebbe anche inutile sottolinearlo - nei toni civili.  Dicevo, eccomi qua, dopo due settimane, a riprendere il filo da dove lo avevo lasciato: la situazione legata a Boulaye Dia. Che, smaltito l'infortunio rimediato con la Nazionale, è tornato a disposizione della Salernitana. 

Il caso sembra finalmente chiuso, e nel migliore dei modi perché, come è rimbalzato da più parti, dopo le divergenze con la dirigenza granata, tutto è rientrato e il ragazzo è pronto a tornare in campo. Tanto da essere tra i convocati di mister Paulo Sousa per la sfida di domani in casa dell'Empoli; certo, ci sarà da capire se partirà titolare o magari pagherà ancora qualcosina - sia per termini fisici che comportamentali - ma le sensazioni in merito sono positive. Anche perché, inutile negarlo, il bomber stava mancando, soprattutto con la squadra che, dopo cinque turni di campionato, è ferma a tre punti. 

Se sia stato multato o meno, adesso, poco importa, queste sono questioni che al fine del gioco e dei punti da conquistare contano poco, quello che vorrei sottolineare è stata la grande intelligente di tutta la dirigenza e la proprietà del club che non ha fatto prevalere un insensato orgoglio su una cosa più necessaria, la vittoria. La conquista di punti utili al mantenimento della categoria. Ora la palla spetta però all'attaccante, che dovrà farsi valere non solo sul campo ma anche "fuori"; dove per "fuori" si intende non il suo personale, liberissimo in quel senso, ma l'atteggiamento da tenere nello spogliatoio e nell'ambiente comunque calcistico. Ha sbagliato, e dovrà dimostrare di averlo capito. Perché i passi non deve farli solo la società, ma anche il ragazzo. Venirsi incontro, questo è l'importante...