Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / salernitana / News
Salernitana, se ne va un altro dei protagonisti degli ultimi due anniTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com
lunedì 27 giugno 2022, 16:00News
di Lorenzo Portanova
per Tuttosalernitana.com

Salernitana, se ne va un altro dei protagonisti degli ultimi due anni

La Salernitana ufficializza la cessione del portiere Vid Belec, che lascia i granata dopo due anni e torna all'Apoel Nicosia, squadra in cui aveva giocato proprio prima di approdare in granata, tramite la Sampdoria. Richiesto esplicitamente dall'ex tecnico Fabrizio Castori, il calciatore sloveno giunge a Salerno poche ore prima dell'esordio in campionato della Salernitana, contro la Reggina ma va subito in campo (1-1 con gol di Casasola). È la prima di 60 partite che Belec gioca con la maglia dei campani. Nell'anno della promozione in A è uno dei grandi protagonisti della squadra di Castori, in cui è l'ultimo baluardo di una squadra che ha nella fase difensiva il suo punto di forza, anche grazie alle prestazioni dell'estremo difensore sloveno e alla sicurezza che dà a tutto il reparto. Nel girone di ritorno, una serie di clean sheets e il record di imbattibilità (condiviso con Adamonis), proiettano la Salernitana verso una lotta promozione che si concluderà in modo trionfale a Pescara. È decisivo soprattutto negli scontri decisivi a Pordenone e in casa con l'Empoli, quando col risultato ancora fermo sul pari effettua alcune parate miracolose che tengono a galla i campani prima delle vittorie firmate Tutino (col Pordenone) e Bogdan più Anderson (con l'Empoli). Soffre poi, come tutta la squadra, il salto di categoria, alternando grandi parate a qualche indecisione. Belec, da grande professionista non fa una piega, accetta anche la panchina contro l'Inter e soprattutto il declassamento a dodicesimo, con l'arrivo di Sepe. Rifiuta la cessione desideroso di giocarsi il posto col portiere proveniente dal Parma e consapevole che la sua occasione potrebbe ancora arrivare. E infatti gioca alcuni decisivi minuti contro la Sampdoria e contro il Venezia, quando c'è da difendere il vantaggio acquisito. Al fischio finale del recupero coi lagunari, mister Nicola corre ad abbracciare Belec prima di tutti gli altri. "Sono fiero di far parte della storia di questa maglia" il messagio di congedo di Belec, che ringraziamo per i due anni vincenti (anche grazie a lui) trascorsi ad alti livelli con la Salernitana.