Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
Live TMW

Spalletti sbotta in conferenza stampa: "Avessi avuto paura avrei fatto il vostro lavoro!"

Spalletti sbotta in conferenza stampa: "Avessi avuto paura avrei fatto il vostro lavoro!"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 25 giugno 2024, 00:03Euro 2024
di Raimondo De Magistris
fonte Dal nostro inviato al Leipzig Stadium, Lipsia
Premere F5 per aggiornare la pagina

23.19 - Avrà inizio tra pochi minuti la conferenza stampa di Luciano Spalletti. L'Italia al 98esimo grazie al gol di Zaccagni ha trovato il pareggio contro la Croazia e ha staccato il pass per gli ottavi di finale: sabato a Berlino sfiderà la Svizzera.

23.37 - Ha inizio la conferenza stampa.

Quella di oggi è sembrata una formazione dialogando anche molto coi giocatori? E' stato un patto coi calciatori?
"Mi parla di patto... Ma lei quanti anni ha?"

Io 51
"Io ho 65 anni, le mancano ancora 14 anni di pippe per arrivare alla mia esperienza... Lei lo dice perché è quello che le hanno detto. Io ci parlo coi calciatori, qual è il problema? E' un patto per gli altri? Questa è una cosa che le hanno detto, però non si prenda delle licenze che non sono sue, sono debolezze di chi racconta le cose. C'è un ambiente interno e un altro esterno e se nell'ambiente interno c'è chi racconta le cose non vuole bene alla Nazionale. Qual è la qualità della scoperta in questo caso qui? E' una cosa normalissima. Io ho fatto la tesi a Coverciano sul 3-5-2, poi gliela faccio vedere. Patto perché? Alla fine eravamo sei calciatori offensivi e l'abbiamo tenuta in equilibrio. Quelli che sono entrati sono stati dei giganti, l'hanno tenuta in equilibrio e fatto delle cose perfette mantenendo l'assetto di squadra. Noi abbiamo già giocato così ma la qualificazione è meritata per quello che s'è visto in campo, per ciò che s'è visto nel primo e nel secondo tempo il passaggio è meritato. Voi avete detto a me che era il girone della morte, non l'ho detto io. La Spagna è fortissima, la Croazia è fortissima, è gente abituata a questo tipo di partite qui. Per me quando si scende sotto il livello minimo è perché si sente il morso della pressione, però intanto fino a questo punto qui sono sempre cresciuti dal mio punto di vista. Poi io più che un patto torno a parlare dei calciatori e c'è da cambiare da una partita all'altra. Loro hanno diversi calciatori forti davanti, attaccanti e trequartisti che sanno giocare tra le linee e quindi mi sono preparato a questa partita qui. A un certo punto siamo calati senza che ce ne fosse bisogno, nonostante il sistema di gioco. Poi ci sono gli episodi: si prende un gol in cui ci mostriamo timidi e non so il perché, ma dopo la squadra ha fatto meglio. Bastoni ha avuto due occasioni di testa molto importanti".

C'è la qualità per sbagliare meno passaggi?
"Io ho allenato qualche volta... Mi è successo per caso, ma nei miei 26-27 anni l'ho allenata qualche squadra e lo so vedere se c'è o meno qualità. Casomai il problema è la pulizia, ci sono dei momenti ogni volta che rilancia Donnarumma in cui bisogna riuscire a pulirla. Noi invece in questa fase qui non se ne porta a casa una. Per cui, sotto questo aspetto, bisogna migliorare. Nel secondo tempo l'abbiamo fatto, eravamo in cinque a campo aperto contro tutta la squadra e si è avuto un equilibrio. S'è portata a casa una gara difficilissima dal punto di vista mentale, è una cosa straordinaria quella che hanno fatto. Noi qualsiasi sarebbe stato il risultato non dovevamo perdere la bussola per quelle che potevano essere le conseguenze, non dovevamo prendere il secondo o il terzo gol. Bisogna fargli i complimenti, ma ci sono cose da andare a rivedere".

Quanto era preoccupato quando ci si avvicinava al 90esimo?
"Le preoccupazioni fanno parte di questo lavoro. Ci sono migliaia di bambini ogni volta che entriamo in albergo ad aspettarci per la possibilità di guardarci da due metri. Io sono uno che vuole bene a tutte le persone che incontra, se poi vedo che delle persone mi prendono di mira allora diventa una belva. Ma in generale voglio bene a tutti e voglio corrispondere questo affetto. Ma la difficoltà non è ora, è da quando abbiamo giocato contro la Macedonia che siamo sotto pressione. Al sorteggio eravamo tutti lì a dire che non siamo stati fortunati. Abbiamo fatto ciò che dovevamo fare. Ma che domanda è se tu vai fuori? Ma che ho paura? Altrimenti venivo come voi a vederle le partite e facevo un altro lavoro... Ho la possibilità di acquistare un biglietto, anzi me lo danno gratis. Ho perso tantissime partite in vita mia e non si ha paura di perdere, è una cosa normale. Ma perché anticiparci ciò che poi può avvenire? Stasera poteva vincere anche la Croazia perché è una squadra forte. Dopo poi si fanno le analisi, è corretto, ma non dobbiamo prenderci per il culo se si perde una partita. Io non sono un tipo invidioso, io voglio solo fare bene il mio lavoro e non voglio ancora più pressione di quella che già ho addosso e vi assicuro che ne ho già tantissima".

Stasera i giocatori hanno mostrato attaccamento a questa maglia
"Sono d'accordo, hanno fatto vedere tante cose e probabilmente a volte gli errori che si fanno sono figli del troppo attaccamento e della troppa voglia che hanno. Noi non abbiamo troppi giocatori che giocano queste competizioni internazionali e ti danno sicurezza. E' stato tutto sofferto fin da quando abbiamo iniziato, non era banale qualificarsi con Ucraina e Inghilterra. Se si dà sempre il carico extra ci può pesare. In alcuni momenti non si sanno fare delle cose normali".

00.01 - Conclusa la conferenza stampa.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile