Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / roma / Serie A
Feyenoord, Slot sfida la Roma: "Abbiamo imparato dalle sconfitte con loro del passato"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 21 febbraio 2024, 21:15Serie A
di Simone Bernabei

Feyenoord, Slot sfida la Roma: "Abbiamo imparato dalle sconfitte con loro del passato"

Il tecnico del Feyenoord Arne Slot ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida di ritorno contro la Roma nel preliminare di Europa League, dopo l'1-1 dell'andata a Rotterdam:

Quali sono le sensazioni nel tornare a Roma?
“E’ uno stadio che conosciamo bene, speriamo di avere più fortuna rispetto al passato. Abbiamo imparato dalle altre volte”.

All’andata è finita 1-1, vi siete concentrati maggiormente sulla fase di finalizzazione?
“Abbiamo lavorato su tutto: sulla pressione da portare e sulla fase di finalizzazione perché noi siamo andati sempre in gol nelle ultime 19-20 partite. L’1-1 non è l’ideale ma è comunque positivo visti gli infortuni che avevamo e i tanti giovani in campo”.

Recupera dei giocatori per Roma?
“Se dovessero tornare Timber e Gimenez sarebbero innesti importanti. Giocheranno solo se staranno bene, senza correre dei rischi”.

Come mai avete fatto la rifinitura a Rotterdam? E’ perché lo stadio lo conoscete già?
“Uno dei motivi è quello, ma anche perché allenandoci a casa abbiamo potuto provare delle situazioni con maggiore discrezione e lontani da occhi indiscreti”.

Cosa farà domani di diverso rispetto alle altre sfide qui?
“Non abbiamo mai vinto, ma sono sempre state gare equilibrate. Come abbiamo visto la scorsa settimana, questa volta la Roma potrà contare anche sul fattore campo”.

Ha studiato qualcosa per segnare visto che domani servirà sbloccare la gara?
“Domani vedremo, ma non sono preoccupato perché abbiamo sempre creato diverse occasioni da gol”.


Il Feyenoord gioca questa competizione passando dalla Champions, è una gara importante anche per il ranking?
“E’ vero che siamo scesi dalla Champions ma la nostra ambizione è andare il più avanti possibile nel torneo”.

Quanto incidono mentalmente i precedenti persi con la Roma?
“Sono due squadre che si conoscono bene, ma noi rispetto alla finale di Tirana abbiamo solo tre calciatori reduci da quella squadra, mentre la Roma otto o nove. Noi giochiamo da due anni e mezzo con lo stesso allenatore, loro invece hanno cambiato e per questo siamo stati sorpresi dalla tattica della gara d’andata della Roma”.

Che partita si aspetta domani?
“Sicuramente si impara sempre da noi stessi e dal passato, nel frattempo la squadra e i giocatori sono cresciuti e hanno fatto esperienza internazionale. Questo ti aiuta ad affrontare la pressione in stadi difficili come questo”.

Lo scorso anno avete faticato nella costruzione dal basso, come affronterete la Roma quest’anno?
“Abbiamo il nostro piano di gioco, cercheremo di costruire da dietro, poi un conto è preparare la gara sulla carta, l’altro è se il calciatore se la sente di impostare da dietro quando è in campo. La nostra è una squadra che nelle partite importanti ha sempre tirato fuori qualcosa di importante”.

I giocatori della Roma hanno più esperienza, questo inciderà?
“E’ normale che sia così, è dovuto all’età dei nostri calciatori. Ma stiamo continuando a imparare".

L'assenza di tifosi in trasferta?
“E’ un peccato non potersi godere un ambiente con entrambe le tifoserie. Il calcio senza tifosi non ha molto senso, mi rendo conto però che la situazione non è normale e quindi capisco che il sindaco preferisca fare così”.

Chi è la favorita?
“Noi abbiamo recuperato dei giocatori, sono d’accordo con De Rossi quando dice che le partite sono sempre state equilibrate. Non so cosa succederà domani, la grande differenza è che domani ci sarà un pubblico record. Noi per potercela giocare dovremo essere al massimo".