Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / News
Menichini: "Salernitana, non sarà facile rialzarsi. Ci vuole pazienza e programmazione"TUTTO mercato WEB
© foto di Nicola Ianuale/tuttoSALERNITANA.com
mercoledì 12 giugno 2024, 12:30News
di Lorenzo Portanova
per Tuttosalernitana.com

Menichini: "Salernitana, non sarà facile rialzarsi. Ci vuole pazienza e programmazione"

In diretta a Radio Punto Nuovo, nel corso di "Punto Nuovo Sport", è intervenuto Leonardo Menichini, storico vice di Mazzone ed ex allenatore della Salernitana, oggi trainer della Turris in Serie C: "Nessuno poteva immaginare che la Salernitana facesse un percorso come quello di quest’anno. Non sempre nel calcio tutto è spiegabile. La rosa di quest’anno era formata da giocatori con ottimi profili, ma certe volte si entra in un vortice di sconfitte dal quale è difficile riprendersi, specie in un campionato come quello di Serie A.

Non sarà facile rialzarsi, ci vuole pazienza e programmazione. Non bisogna avere fretta perché ci può essere la frenesia di voler tornare subito in A, ma può essere pericoloso se si sbaglia qualcosa e abbiamo visto cosa è successo ad altre squadre. Certe volte vincere a tutti costi porta uno stress psicologico, quindi servono calciatori di categoria, e chi non vuol rimanere è meglio che vada via.

Serve un allenatore che porti entusiasmo e individuare cosa serve a questa squadra. Non è scontato che la Salernitana salga subito, i tifosi devono rimanere sempre vicini alla squadra come hanno sempre fatto e avere la pazienza con i calciatori che potrebbero rilevare le loro qualità con il tempo. Io ritengo che sia Paulo Sousa che Inzaghi siano stati sollevati con una relativa fretta, visto però tutto da lontano è difficile da commentare".