Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Milano ribolle, in attesa della festa

Milano ribolle, in attesa della festaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 17 maggio 2022, 07:15Serie A
di Gianluigi Longari
fonte Sportitalia

Una città che ribolle, consapevole del delirio che si impadronirà di vie, monumenti ed atmosfera tra meno di una settimana. Una conquista in vista della rinascita che il calcio milanese, dopo un decennio abbondante di digiuno, è pronto a prendersi con il resto dello stivale. Vada come vada l’appuntamento ultimo del campionato più combattuto dell’ultimo periodo, sarà Milano ad avere dettato legge su tutti i trofei nazionali messi in palio. La tinta dei festoni sembra evidente, con il Milan che sognava di far esplodere la propria ebbrezza già nell’ultimo weekend ma che si è trovato alle prese con l’ultimo respiro d’orgoglio di un avversario che non ci sta a rassegnarsi ad un destino che pare inevitabile. L’Inter ha combattuto anche a Cagliari, ritardando la consegna del tricolore ai dirimpettai quantomeno di sette giorni ma soprattutto continuando a coltivare la speranza di quello che osservato dalla prospettiva nerazzurra avrebbe l’aspetto di un miracolo. Di tutt’altro tenore la visuale rossonera: nessuna opera dell’imponderabile ma piuttosto il frutto di una semina paziente e faticosa. Costruita dalle fondamenta fino ad arrivare alle pennellate rabbiose e sontuose di Theo Hernandez e Leao che hanno iniziato a fare spazio nella già ricca bacheca di via Aldo Rossi per accogliere un trofeo mai così atteso e desiderato.
Milano si gode la scena, tra i due litiganti c’è una città che gode. Consapevole di essere tornata il centro del calcio italiano un anno fa, e di essere destinata a confermare il proprio trono anche la prossima domenica.