Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
Live TMW

Frattesi: "Senza giri di parole: Spagna avanti rispetto a noi. E Rodri il numero uno"

Frattesi: "Senza giri di parole: Spagna avanti rispetto a noi. E Rodri il numero uno"
lunedì 17 giugno 2024, 14:01Euro 2024
di Raimondo De Magistris
fonte Dal nostro inviato a Iserlohn, Germania
Premere F5 per aggiornare la pagina

12.50 - C'è Davide Frattesi quest'oggi in conferenza stampa da 'Casa Azzurri' a Iserlohn, sede del ritiro dell'Italia in Germania. Due giorni dopo il successo contro l'Albania e a tre giorni dalla sfida contro la Spagna il centrocampista della Nazionale prenderà la parola per rispondere alle domande dei giornalisti presenti.

13.35 - Ha inizio la conferenza stampa.

Come mai il mister ti richiama spesso?
"Va bene, vuol dire che il mister crede in me. Poi da fuori la gara si vede meglio, a volte non ci rendiamo conto della posizione migliore da prendere e lui cerca di darti una mano e dei consigli. Quando gli avversari sono schiacciati mi chiede di uscire dal traffico e di allargarmi così da avere più spazio".

Mbappé e Thuram hanno preso una netta posizione politica. Tu cosa ne pensi?
"Che una persona si esprima credo che sia giusto, ognuno deve portare avanti i propri ideali, poi non ho seguito troppo la vicenda... E' giusto però che ognuno dica la sua".

La Spagna attaccherà, possono aprirti per te gli spazi giusti? Perché giochi più con l'Italia che con l'Inter?
"Credo di sì, ci sarà più spazio e anche più da difendere, anche se vogliamo fare una gara più di possesso. Sulla seconda domanda dico che non è mai facile calarsi in una squadra che arriva da una finale di Champions, la gestione di Inzaghi è stata quella giusta. Con Spalletti ho iniziato dall'inizio del suo ciclo, abbiamo avuto tempo per imparare i meccanismi e partire dall'inizio è sicuramente meglio".

Giochi più con l'Italia che con l'Inter...
"Vuol dire che dovrà mettere la maglia dell'Italia sotto quella dell'Inter (ride, ndr.).Secondo me è stata una gestione giusta, poi uno cerca di giocare il più possibile e quando vieni chiamato in causa devi sempre dare il massimo".

Cosa ti aspetti di diverso contro la Spagna?
"Sicuramente avremo meno possesso rispetto alla gara contro l'Albania, è il loro punto forte, ci sarà da essere più attenti in fase difensiva anche se, a differenza dell'Albania, non si chiuderà per 90 minuti. Dobbiamo essere bravi a sfruttare le occasioni che ci capiteranno".

Tra voi interisti parlate molto prima delle partite visto che si parla molto di blocco Inter?
"Sicuramente il fatto di esser stati insieme un anno aiuta, tante volte non c'è nemmeno bisogno di parlarsi per capire le cose. Così come le combinazioni con Scamacca, sappiamo già ciò che dobbiamo fare. Quello che abbiamo fatto all'Inter un po' ce lo portiamo qui".

Cosa pensi di Yamal e quale pensi sia il punto di forza della Spagna?
"Yamal non lo scopriamo adesso, è destinato a diventare un grande del calcio Mondiale. I punti di forza della Spagna sono sempre quelli da anni, la fase di possesso e il palleggio. Bisognerà essere bravi a sfruttare le occasioni perché la Spagna non ce ne concederà tante".

Il fatto di aver giocato meno all'Inter ti permette di essere qui un po' più riposato?
"Più o meno... La cosa stancante di un anno così sono più che altro i viaggi. Uno più è in campo e più è in condizione, si è stanchi solo a livello mentale perché si entra in forma bene quando si giocano le partite".

Come passa il tempo qui in ritiro? Ha portato qualcosa da Roma anche scaramanticamente?
"Scamacca mi sono portato... (ride, ndr). Qui il tempo lo passiamo per la maggior parte in questa sala che hanno fatto per noi ragazzi dove ci sono play station, biliardo, flipper. Siamo lì un paio d'ore tutti insieme e secondo me è un'ottima cosa, è lì che si forma il gruppo. Mi è capitato di giocare a ping-pong con un compagno con cui non avevo troppa confidenza, Stephan El Shaarawy, ed è nato il rapporto. Non gioco con Scamacca perché spara tutte le palline, è più bravo alla Play Station".

Come cambia qui il tuo modo di giocare rispetto all'Inter?
"Credo cambi più in fase difensiva, gioco un po' più basso quando dobbiamo difendere. Poi il ruolo è quella dell'Inter, da mezz'ala offensiva mi alzo: qui non abbiamo i due attaccanti, ne abbiamo uno solo, però abbiamo due esterni che possono portare via l'uomo".

Come l'Italia può battere la Spagna?
"Soprattutto in questo momento, senza far troppi giri di parole, credo che la Spagna sia avanti rispetto a noi. Noi dobbiamo saper soffrire, saper lottare, questo è fondamentale. Se la mettiamo nei duelli uno contro uno la partita è difficile, molto difficile".

TMW - Senza palla sei il centrocampista che legge meglio gli spazi in questa Italia: chi sono i tuoi modelli di riferimento? Chi è il centrocampista migliore della Spagna?
"Simone Perrotta, ma anche Claudio Marchisio: questi solo i due modelli che guardo anche per capire le posizione da tenere in campo. Per quanto riguarda la Spagna, credo che Rodri sia il centrocampista più forte del mondo".

Qui in Nazionale i centrocampisti sono chiamati a segnare di più per come gioca la squadra
"Credo quelle siano caratteristiche, non deve essere un peso. Scamacca negli ultimi tre mesi ha dimostrato di poter fare gol in qualsiasi occasione, appena si presenterà un'occasione sono sicuro la sfrutterà. Si dice che manca un 9 in questa Nazionale, ma invece ce l'abbiamo".

Per la prima volta negli ultimi 10 anni la Spagna non ha avuto più possesso palla degli avversari. L'avete visto? Hai parlato con Inzaghi e Marotta in questi giorni?
"No, col mister e con Marotta ci siamo solo salutati, poi col mister di risentiremo. Ogni partita poi va rivista, la Spagna era avanti 3-0 e non aveva poi grande necessità di possesso palla. Forse c'è una versione un po' più moderna della Spagna, fondamentalmente non ha più quei tre fenomeni a centrocampo che dieci anni fa facevano girare tutta la squadra e non te la facevano mai prendere. E' una versione più moderna".

13.57 - Conclusa la conferenza stampa.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile