Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Dalle stelle al compitino. Zielinski e quel passo che ancora manca per essere un top player

Dalle stelle al compitino. Zielinski e quel passo che ancora manca per essere un top playerTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 21 gennaio 2021 08:47Serie A
di Raimondo De Magistris
fonte Dal nostro inviato a Reggio Emilia

Vedi la partita contro la Fiorentina e ti rendi conto che è difficile trovare in Serie A un centrocampista forte e completo come Piotr Zielinski. Il calciatore polacco ha tutto dalla sua: capacità tecniche e tiro dalla distanza, progressione e visione di gioco. Domenica nel 6-0 rifilato ai viola ha messo in mostra tutto il suo repertorio, e quando lo fa è uno spettacolo unico. Abbagliante.
Ma quante volte lo fa? Troppo poche per quelle che sono le sue capacità. E qui sta la differenza tra potenza e atto, tra chi potrebbe essere un top player e chi lo è effettivamente. Perché quello Zielinski lo rivedi dopo tre giorni e sembra un altro giocatore, s'accende a intermittenza e poi si spegne per lunghi tratti. Si limita allora al compitino e si lascia trascinare in una mediocrità che non gli appartiene. Soprattutto, non riesce a essere lui il trascinatore quando ce ne sarebbe bisogno, anche se ha a disposizione tutte le qualità per farlo.

Chiariamo: se il Napoli ieri ha perso al Mapei Stadium non è certo colpa sua. Prestazione da sufficienza stiracchiata quella dell'ex Udinese, ma nessun errore decisivo come quelli commessi da Bakayoko e Insigne. Eppure da lui, proprio perché quando è in giornata può fare la differenza contro chiunque, ci si poteva e doveva aspettare molto di più.
Piotr però è questo, giocatore che oscilla tra il sublime e il compitino. Passa in tre giorni da una partita da 8 in pagella a un'altra da 5.5. A 26 anni, bisognerà probabilmente convivere con l'idea che il giocatore è questo, che questo è il suo grande limite. Resta comunque un bel prendere.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000