Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports

Inter, chissà che accadrebbe se Conte rigiocasse ora il girone di Champions

Inter, chissà che accadrebbe se Conte rigiocasse ora il girone di ChampionsTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
sabato 10 aprile 2021 07:30Serie A
di Alessandro Rimi

L'Inter è vincente, unita, aggressiva, ordinata, armoniosa, quadrata, perfetta o quasi. Ma in Europa, dicono, farebbe ancora una figura pessima, da far vergognare il calcio italiano. Si, più o meno così. Peccato che la Champions è, molto spesso, una sorta di folle lotteria. Lo dimostrano le eliminatorie che propongono gironi, appunto, come quello entro cui si trovavano i nerazzurri, dove la distanza tra la prima e la quarta si riesce a misurare in appena 4 punti, e altri dove invece tocca scomodarne addirittura 14 (vedi girone Juventus). Primo aspetto, quindi, l'equilibrio o il suo opposto che determina il cammino delle squadre che si trovano in un raggruppamento piuttosto che in un altro. Da questo fattore si arriva a un altro, altrettanto delicato: se è vero che tutte le squadre hanno potuto disporre di meno tempo del solito per chiudere con una stagione e farsi trovare pronte per quella successiva, vero è altrettanto che i nerazzurri impegnati fino alla finale di Europa League e con un mercato corposo in settembre, di tempo per trovare una nuova identità ne hanno avuto anche (parecchio) meno. La Champions ti inchioda. L'Inter debutta contro il Mönchengladbach con D'Ambrosio e Kolarov in difesa, con Vidal titolare e un Eriksen ben lontano dalla versione attuale. Vola a Madrid senza Romelu Lukaku, quest'anno tremendamente decisivo. Riceve il Real a San Siro senza un calciatore capolavoro - quello contiano - come Marcelo Brozovic. Si può e si deve certamente aggiungere che con la squadra al completo non riesce a sfondare mai a Donetsk ma nondimeno, in generale, ben lontani si era dalla versione attuale della capolista in Serie A. Quella che a un certo punto rispolvera il campione Eriksen, trova la quadra in difesa con un approccio più equilibrato, risplende anche a sinistra con il cambio Young-Perisic. Settimane, mesi, battaglie, vittorie con la stessa squadra. Sempre quella. Ora un'armata, non a caso, in grado soltanto di vincere le partite. Indietro non si torna ma, a pensarci bene, chissà cosa farebbe questo nuovo modello nerazzurro sotto al quale sì che Antonio Conte metterebbe la propria firma. E allora, dopo lo scudetto, ci sarà tempo e modo per proiettarsi nuovamente verso la massima competizione d'Europa con una veste più matura e ambiziosa. Ed è molto possibile che il racconto potrà subire delle sostanziali variazioni rispetto a quelli passati.

Primo piano
TMW Radio Sport
TMW News TMW News: Milan, tutto in 90 minuti. E Gattuso fa gola a molti club
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000