Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Le pagelle della Roma - El Shaarawy non basta, senza Smalling la difesa imbarca acqua

Le pagelle della Roma - El Shaarawy non basta, senza Smalling la difesa imbarca acquaTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 27 maggio 2023, 20:15Serie A
di Matteo Vana

Fiorentina-Roma 2-1

ROMA

Svilar 5,5 - Si concede un pomeriggio da spettatore non pagante: inoperoso per tutto il primo tempo, anche in occasione dei gol non può far altro che guardare Jovic prima e Ikoné dopo depositare il pallone in rete da due passi.

Bove 6 - Pressa e morde le caviglie di chiunque, sradicando palloni e facendo rifiatare la Roma quando serve. Prova anche ad inserirsi in area avversaria: gli manca il guizzo da attaccante, ma l’intenzione è quella giusta.

Smalling 6,5 - La sua assenza si è sentita. Nei primi 20 minuti mette in mostra 3 interventi che, pur non rubando l’occhio, risultano decisivi. Riesce a far sembrare semplici anche le cose più difficili infondendo coraggio a tutto il reparto difensivo. Dal 46’ Mancini 6 - Di temperamento ne ha da vendere, ma stavolta non basta per evitare la sconfitta.

Llorente 6 - Partita solida e ordinata la sua, senza nessuna sbavatura. Una prova di sostanza passata ad incollarsi a Jovic senza concedergli quasi mai la possibilità di girarsi.

Missori 5,5 - Ancora una chance da titolare, ancora una partita giocata con ordine. Nonostante la giovane età, infatti, l’esterno non si concede cali rimanendo attento e applicato per tutto: si fa sovrastare, però, da Mandragora sul gol.

Wijnaldum 6 - Un po’ troppo impreciso, non è ancora al top della forma e si vede. I suoi inserimenti, però, creano il panico nella retroguardia viola. Si divora il gol del raddoppio facendo anticipare dal portiere avversario, ma il suo lavoro è imprescindibile per questa Roma. Dal 60’ Cristante 5,5 - Mezz’ora per cercare di alleggerire la pressione, ma finisce per subire la rimonta viola.

Tahirovic 5,5 - Si piazza in mediana cercando di dare il passo alla manovra giallorossa: impresa con gli riesce granché visto che i ritmi della squadra giallorossa sono sempre troppo compassati.

Zalewski 5,5 - Un po 'troppo timido sulla sua corsia: si limita a presidiare la propria zona senza spingersi granchè in avanti. Nella ripresa va un po’ in difficoltà, concedendo qualche metro di troppo agli avversari Dal 81’ Abraham sv

Solbakken 6,5 - Indossa i panni dell’uomo assist con un colpo di testa che spiana la strada ad El Shaarawy per il gol del vantaggio. Ma non solo perché nella sua partita c’è anche tanta corsa e un'applicazione tattica alle richieste di Mourinho da applausi. Dal 71’ Ibanez 5,5 - Troppo molle sulla rete di Ikoné quando non riesce a intervenire sul francese lisciando il pallone e evitando l’intervento.

El Shaarawy 7 - Accelera, ruba palloni, lega il gioco, ma soprattutto segna, due gol in due partite. In questo momento è l’uomo in più della Roma, Mourinho lo sa e lo tira fuori dal match all’intervallo; quasi un'investitura in vista della finale di Europa League. Dal 46’ Celik 5,5 - Troppo basso e troppo timido in avanti, si limita a rimanere nella sua zona di competenza commettendo qualche sbavatura di troppo

Belotti 6,5 - Si sacrifica come sempre, lottando su ogni pallone e andando a fare a sportellate con chiunque. Il gol continua a mancare, ma il pallone per Solbakken che poi serve El Shaarawy sulla rete del momentaneo vantaggio, è da vedere e rivedere.

José Mourinho 6 - La sua Roma è già concentrata sulla finale di Europa League ma il bilancio in campionato è decisamente deficitario con la vittoria in campionato che manca dal 16 aprile. Un lasso di tempo troppo ampio, seppur con la mente impegnata in altri pensieri.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile