Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Asmini: "Ho sbagliato a tornare alla Sampdoria nel 2011. Marotta-Paratici? Sono per il primo"

Asmini: "Ho sbagliato a tornare alla Sampdoria nel 2011. Marotta-Paratici? Sono per il primo"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
lunedì 05 aprile 2021 23:22Altre Notizie
di Dimitri Conti

Salvatore Asmini, ex dirigente alla Sampdoria quando a Genova c'era pure Marotta con Paratici, ha così parlato di quei tempi e dei due dirigenti nel corso di un'intervista social con Settimana Sport: "Il mio rammarico è quando sono rientrato (nel 2011, ndr), ho sbagliato, forse per il grande attaccamento: non avrei dovuto ma me l’aveva chiesto Garrone. Sono arrivato e mi è stato proibito di occuparmi di questioni tecniche perché c’erano altri – le parole di Asmini riportate da Sampdorianews.net – Dovevo essere una sorta di team manager, stare con la squadra e con l’allenatore. Poi hanno fatto la squadra che hanno fatto, le cose sono andate male e chi se ne è andato ha avuto la forza di dire che la colpa era mia. Mi son preso la colpa, sono arrivati insulti. Queste cose mi hanno ferito. Per il 90% delle persone Salvatore Asmini è responsabile della catastrofe di quell’anno lì”.

Meglio Marotta o Paratici?
"Paratici quando è arrivato non lo conosceva nessuno: ha lavorato sette anni. Poi per la maggior parte della stampa genovese è stato quello ha preso i giocatori e ‘che ha cambiato il mondo’. A Marotta avevo detto una cosa precisa che si è avverata, quindi parteggio per lui. Non ho nulla da perdere e posso dire quello che voglio. Il mio problema non sono né Marotta né Paratici. Alla Juventus saremmo andati entrambi, io e Paratici: non ho accettato e me ne sono andato sbattendo la porta in malo modo. Anche con Paratici non ho niente, è lui che dovrebbe chiamare me. Sono un po’ polemico, ma non voglio passare per fesso”.

Come ricorda il presidente Garrone?
“Persone così non ne nascono più: il giorno del suo funerale ero ricoverato all’ospedale. Mi è dispiaciuto non esserci, mi è rimasto nel cuore. Nell’anno della retrocessione abbiamo fatto un’amichevole con il Derthona, stavamo retrocedendo, ma quel giorno mi ha detto cose che mi hanno fatto venire la pelle d’oca. Si sentiva sampdoriano: la prima volta che l’ho conosciuto ci siamo trovati a Milano con lui e Marotta, e ci ha detto chiaramente: questi sono i soldi a disposizione, poi dovete essere bravi a gestirvi e fare ciò che è da fare. Lui ha dato grande fiducia alle persone che ha scelto: io, Marotta, Marangon e gli altri. Diceva ‘non sono pratico di calcio’, ma poi ha avuto una passione incredibile”.

Articoli correlati
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000