Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports

Inghilterra-Danimarca 2-1, le pagelle: Schmeichel non basta. Kane e Sterling decisivi

Inghilterra-Danimarca 2-1, le pagelle: Schmeichel non basta. Kane e Sterling decisiviTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Uefa/Image Sport
giovedì 08 luglio 2021 06:30Euro 2020
di Ivan Cardia

INGHILTERRA-DANIMARCA 2-1
(39’ aut. Kjaer, 104’ Kane; 30’ Damsgaard)

INGHILTERRA

Pickford 5 - Punta il sesto clean sheet consecutivo, lo saluta dopo mezz’ora con qualche responsabilità sul bel gol di Damsgaard. Qualche affanno anche con la palla tra i piedi.

Walker 6,5 - Spinge e ragiona, costruisce e crossa. Costringe Maehle, fin qui tra i migliori laterali di Euro 2020, a una partita prettamente difensiva.

Stones 6,5 - Attento, utile in manovra, senza strafare. Si appoggia molto all’imperioso compagno di reparto

Maguire 7 - Criticato perché pagato oggettivamente troppo, prosegue il suo sontuoso percorso europeo. Sfiora anche il gol che varrebbe la qualificazione ma Schmeichel alla Banks gli dice di no.

Shaw 6 - Mezzo voto in meno perché da una sua ingenuità nasce la punizione che vale l’1-0 danese. Poi tanta spinta, bei cross, il solito menu.

Rice 6,5 - L’essenziale, scriveva qualcuno, è invisibile agli occhi. Pulito e ordinato, si concede pure qualche sgroppata. (Dal 95’ Henderson 6,5 - Entra nel miglior momento dei suoi, lo asseconda).

Phillips 7 - Sempre in palla, sempre in partita. Fa girare la squadra, l’allunga e l’accorcia e l’aiuta a gestire una gara non semplice.

Saka 6,5 - Il più giovane inglese di sempre a disputare una semifinale. A intermittenza: suo l’assist che Kjaer manda oltre Schmeichel, in altre occasioni non è altrettanto brillante. (Dal 69’ Grealish 6 - Suona la carica, a livello offensivo, senza cambiare davvero una partita già nel segno dell’Inghilterra. Wembley non capisce il cambio a metà supplementari, e francamente neanche noi; dal 106’ Trippier s.v.).

Mount 6 - Come per tutto l’Europeo, cerca la posizione migliore da cui poter fare male. La trova a fa si alterne, senza grandi sbocchi per liberare la sua grande classe. (Dal 95’ Foden 6 - Di stima. Il grande assente, magari non per colpa sua, di questo Euro 2020).

Sterling 7 - C’è sempre il suo zampino. È lui che Kjaer anticipa sull’1-1, è lui che va a terra per il rigore decisivo. Vuole aggiungere una coppa al tatuaggio.

Kane 8 - Sale in cattedra nel momento di difficoltà dei suoi. Propizia la rete del pareggio, orchestra la manovra offensiva della squadra. E alla fine è un suo gol, seppur su rigore, seppur Schmeichel gliel’aveva parato, a mandare l’Inghilterra in finale.

Southgate 6,5 - Fa i conti coi fantasmi del passato. In semifinale ha sbagliato un rigore che l’Inghilterra non gli ha mai perdonato. Ora la porta in finale di un Europeo. Qualche dubbio sui cambi: ne fa uno solo nei tempi regolamentari, il dentro-fuori di Grealish è da spiegare.

DANIMARCA

Schmeichel 8,5 - Al 54’, su zuccata a botta sicura di Maguire, la parata dell’Europeo. Per i fotografi e per tenere in vita i suoi, a Wembley qualcuno ha rivisto Banks. Poco da fare sull’autorete di Kjaer, nei tempi supplementari fa il bis su Kane e gli para anche un rigore ma non basta.

Christensen 7 - Uno dei tanti volti noti ai tifosi inglesi, regala loro più di un dispiace con una serie di chiusure perfette. Da quelle parti si prevederebbe faticare su Sterling, finché resta in campo a conti fatti il duello lo vince lui. (Dal 79’ Andersen 6 - Entra nel momento più complicato della gara e, non per colpa sua, si vede).

Kjaer 6,5 - L’ultima volta, qui, fece 100 con il suo amico Eriksen. “Segna”, nella propria porta, il pareggio inglese: più sfortuna che altro. Nel resto della partita tiene la banda contro un attacco oggettivamente più forte.

Vestergaard 7 - A tratti sontuoso, spesso elegante, quasi sempre puntuale. (Dal 105’+1 Wind s.v.).

Stryger Larsen 6 - Resta molto basso, probabilmente troppo ma non sarà una scelta sua, per reggere l’impatto della catena di sinistra inglese. Qualche bella corsa, qualche affanno. (Dal 67’ Wass 6 - Sui livelli del compagno. Mettere la Danimarca sullo stesso piano dell’Inghilterra sarebbe fare un torto a entrambe).

Hojbjerg 6,5 - Nel pre-partita Mourinho spende parole al miele per lui. Ne conferma l’essenza con una partita in cui c’è sempre, su tutti i palloni. Lì dietro e lì davanti.

Delaney 6 - Il carisma non si discute, qualche errore di troppo negli appoggi se si considera che sbaglia un passaggio ogni tre. Tiene in piedi il centrocampo. (Dall’88’ Jensen 5,5 - Se il tocco punito su Kane sia suo o di Maehle non è chiaro, che sia rigore i dubbi restano).

Maehle 5,5 - Bloccato dalla frenesia inglese, nel finale sembra essere lui a mandare dal dischetto l’Uragano. Chiamata molto puntigliosa, quella su Sterling, ma non si doveva correre quel rischio.

Braithwaite 6,5 - A Barcellona si chiedono se sia lo stesso giocatore. Ficcante e pieno d’inventiva, dà fastidio e aiuta a cucire la manovra.

Dolberg 6 - Dei tre davanti, è quello che brilla meno. Partecipa alla manovra, impegna Pickford solo una volta e un’altra, pericolosa, ma in fuorigioco. (Dal 67’ Norgaard 5,5 - Rischia la frittata su Kane, che per sua fortuna aveva commesso fallo pochi metri prima).

Damsgaard 7 - Ci prova alla Del Piero, ci riesce alla Eriksen dopo 30 minuti. Apre le danze con un gioiello su punizione: migliore in campo per un’ora, poi Hjulmand lo toglie. In questo Europeo gli è capitato di raccogliere l’eredità più pesante e l’ha retta senza fiatare. In vetrina. (Dal 67’ Poulsen 5,5 - Non entra in partita come i compagni).

Hjulmand 6 - Fargli chiudere l’Europeo con un’insufficienza non renderebbe onore al merito di questa Danimarca, pur sempre priva della sua stella. I cambi, però, lasciano a desiderare perché l’idea di modificare l’impianto e soprattutto togliere il migliore di movimento dei suoi non paga.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000