Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports

Roberto Rosato, campione per sempre

Roberto Rosato, campione per sempreTUTTOmercatoWEB.com
domenica 06 giugno 2021 08:21Podcast
di Redazione TMW
Roberto Rosato (Chieri,18 agosto 1943 - Chieri, 20 giugno 2010) è stato un calciatore italiano, di ruolo difensore. Campione europeo nel 1968 e finalista mondiale nel 1970 con la nazionale italiana.

Roberto Rosato, indimenticabile difensore granata, passato poi al Milan, al Genoa per chiudere la carriera nell'Aosta, superbo giocatore della Nazionale italiana. Lo ricorda per noi il figlio Davide che, nel caso, è stato il portavoce della famiglia.
Questa intervista è stata pubblicata da TMW l'8 luglio del 2010

Davide ha voglia di parlare del suo celebre genitore, anche se il dolore è ancora forte soprattutto per la lunga malattia che ha dovuto sopportare. "Mio padre ha vissuto fino all'ultimo con grande dignità questa tremenda malattia", racconta il secondogenito, che ha una sorella maggiore ed un fratello più giovane. I suoi genitori si sono sposati giovanissimi: "All'epoca i giocatori si costruivano presto la famiglia". Cosa ricorda Davide del suo celebre papà? "Innanzitutto, pur essendo un calciatore famoso, è sempre stato presente in famiglia. Noi figli ci siamo resi conto della sua popolarità quando ha smesso, anche perchè prima eravamo piccoli per capirlo fino in fondo. Mio padre ci ha insegnato la lealtà, l'onestà e il rispetto, che trasportava anche in campo. Era determinato ma non mancava mai di portare questa sua filosofia di vita anche in partita. Ancora prima di essere un campione era un uomo. Ora questi valori si sono un po' persi mentre ai suoi tempi erano abbastanza comuni".

Come ha vissuto Davide la sua situazione di essere figlio di un noto calciatore? "Posso solo sottolineare la fortuna che ho avuto, insieme ai miei fratelli. Abbiamo avuto una vita agiata e soprattutto un padre presente che, pur essendo sulle prime pagine dei giornali, non ha mai tralasciato la famiglia. Proprio lo scorso 29 giugno i miei genitori hanno compiuto 46 anni di matrimonio, mia madre era molto commossa quel giorno".

Davide ricorda anche la sua esperienza a bordo campo a seguire il suo adorato genitore: "Prima di chiudere la carriera all'Aosta giocò nel Genoa e allora ogni tanto facevo il raccattapalle con lo staff delle giovanili rossoblù. Mi ricordo l'emozione di aver seguito in quello stadio spettacolare di Marassi un bel Genoa-Milan. Quella giornata rimane una parte importante dei miei ricordi". Nessuno dei due figli maschi ha seguito però le orme del padre: "Ad essere onesti non eravamo portati, avremmo potuto giocare nelle serie inferiori. Mio padre non ci ha mai forzato a fare il suo mestiere, per lui era importante lo studio. Se poi fossimo stati bravi allora se ne poteva parlare, ma non è andata così". A fine carriera Roberto Rosato lasciò definitivamente il mondo del pallone per dedicarsi qualche anno a fare l'assicuratore, ma poi smise per stare accanto alla famiglia.

Nella vita di Rosato c'è stato tanto Toro ma anche molto Milan, che tifo c'è in famiglia? "Io sono sfegatato tifoso granata, ho sempre seguito la squadra anche in trasferta, gli altri della famiglia, compresa mia madre, sono tutti rossoneri, anche se il Toro rimane una parte importante di loro. Ora è nato da pochi giorni il Toro Club Chieri Roberto Rosato ed è un motivo d'orgoglio per tutti noi, il primo club granata dedicato a mio padre. Un modo per ricordarlo sempre".

Quali sono stati i rapporti di Rosato con le sue due squadre principali? "Buono, da entrambe le parti. Il Milan si è interessato molto a lui durante la malattia, telefonavano spesso Rivera, anche Galliani, Ramaccioni. Gli amici del Torino li incontrava allo stadio, come Puia, Zaccarelli e tanti altri". L'emozione più forte degli ultimi anni riguarda il Centenario del Torino: "E' stato un impatto forte anche per me. Accompagnai mio padre che faticava già a camminare e lo seguii nel giro di campo in onore dei tifosi. Una sensazione incredibile".

In occasione dell'anniversario della sua morte, TMW RADIO ha fatto uno speciale che potete ascoltare in podcast cliccando sul player sotto:

Primo piano
TMW Radio Sport
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000