Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
esclusiva

Fascetti: "Milan, due colpi per lo Scudetto. Inter, l'ideale sarebbe Modric"

ESCLUSIVA TMW - Fascetti: "Milan, due colpi per lo Scudetto. Inter, l'ideale sarebbe Modric"  TUTTO mercato WEB
© foto di Federico Gaetano
venerdì 1 gennaio 2021, 10:45Serie A
di Lorenzo Marucci

"I rinforzi me li aspetto soprattutto dalla Juve, dal Milan, dall'Inter ma anche dalla Fiorentina". Eugenio Fascetti, dall'alto della sua esperienza, commenta il mercato che verrà: "Fossi il Milan - dice a TMW - un paio di pezzi li prenderei perchè può essere un anno favorevole. E' una sorpresa, ma ormai sta dimostrando pur con parecchie assenze di essere forte: gioca e diverte. E' stato un anno in cui ha fatto più punti di tutti. Quando Ibra recupererà bisognerà vedere quanto potrà andare avanti con continuità, in ogni caso un altro attaccante serve. Dietro occorre un centrale forte, anche se hanno scoperto Kalulu che è... tanta roba, ha vent'anni".

L'Inter come dovrà agire?
"Forse prenderanno un attaccante per fare il quarto. Pellè in Nazionale con Conte fece qualche buona partita però non saprei se possa essere l'acquisto giusto. Per la metà campo ci vorrebbe Modric, un giocatore che illumina. In ogni caso l'Inter da quando fa il contropiede, ammesso che si possa parlare in questo modo senza che qualcuno si offenda (sorride, ndr), ha vinto sette partite- Conte cerca giustamente gli spazi con gli attaccanti che sono devastanti a campo aperto. Dietro invece i giocatori sono macchinosi e lenti. Gervinho? E' devastante negli spazi e fa anche gol. Lui lo prenderei".

E la Juve?
"Quando gioca alta, Bonucci mostra i limiti perchè gli passano accanto. I bianconeri non sono veloci dietro e lasciano delle praterie. In più Chiellini è ai box, De Ligt è bravo ma ancora giovane. Se la Juve gioca chiusa è ok, se deve giocare con la difesa a metà campo allora le ripartenze avversarie possono essere letali. Chiesa e Kulusevski inoltre sono solisti e ancora Pirlo non ha trovato il gruppo vincente".

Diceva anche della Fiorentina...
"Vlahovic sapevo che non era male. Se la Fiorentina decide di giocare con due punte allora è giusto prendere un altro attaccante. Ma se ne schiera una sola allora è giusto restare così. Se vai a prendere una punta di nome rischi di condizionare Vlahovic: sta prendendo confidenza col ruolo e sta facendo bene, sa tener palla e il gol con la Juve è stato bello. Con quello spirito la Fiorentina può far buone cose, c'è anche Caceres che dà esperienza, gli uruguagi vogliono vincere. A centrocampo Amrabat è tornato determinante e Ribery ti può far vincere le partite. Duncan lo recupererei, si è perso ma me lo ricordo forte. Castrovilli invece deve aumentare i giri. Kouamè? Non lo cederei. O trovi la punta decisiva che fa davvero tanti gol oppure cercherei un rinforzo altrove. Andrei a caccia di un Borja Valero giovane. Lo spagnolo ai suoi ritmi è sempre determinante".

© Riproduzione riservata
Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile