Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Inter, Conte: "Eriksen? A volte si esprimono giudizi affrettati. Orgoglioso della sua crescita"

Inter, Conte: "Eriksen? A volte si esprimono giudizi affrettati. Orgoglioso della sua crescita"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di DANIELE MASCOLO
domenica 21 febbraio 2021 17:47Serie A
di Luca Chiarini

A margine della vittoria nel derby contro il Milan, Antonio Conte ha parlato così ai microfoni di DAZN: "Complimenti ai miei calciatori - ha esordito il tecnico nerazzurro -, che sono stati assoluti protagonisti in campo".

C'è stata grande forza mentale oggi. È la sua vittoria più bella sulla panchina dell'Inter?
"Mi auguro che debba sempre arrivare. Sicuramente è stata una bella partita, non dimentichiamo che era un derby, quindi grande campanilismo che a Milano è sempre sentito, e che dopo tanti anni era un derby d'alta classifica. Chiaramente dava più pressione, ma i calciatori sono stati bravi. Stiamo proseguendo nel percorso di crescita che abbiamo iniziato da un anno e mezzo. Sono accadute situazioni che ci aspettavamo e siamo stati bravi a sfruttarle. C'è da fare i complimenti al Milan e a Pioli per il lavoro che sta facendo. È una vittoria che vogliamo dedicare ai tifosi, l'accoglienza allo stadio è stata da brividi e ci ha responsabilizzato molto, mettendoci una pressione che abbiamo tramutato in energia positiva".

Avete dato una spallata nella lotta Scudetto?
"I ragazzi sanno che temo molto le prossime due partite contro Genoa e Parma, due gare sulla carta molto ostiche. Lì dovremo dimostrare di aver fatto quel salto di qualità per cercare di restare in vetta fino alla fine. Saranno due partite fondamentali, perché Genoa e Parma sono squadre forti. Da quando è arrivato Ballardini il Genoa ha perso solo una partita, il Parma sta faticando in maniera difficile per la squadra che ha. Sono gare che ci diranno molto su quello che faremo da grandi".

I due esterni hanno fatto una partita straordinaria.
"Hai ragione. Il compito di un allenatore è cercare di portare tutti gli elementi della rosa ad entrare dentro un'idea, perché alla fine noi siamo una squadra e c'è un'idea precisa quando sviluppiamo il gioco. La crescita di Eriksen, di Perisic, ma un po' di tutti i calciatori mi rende orgoglioso. Tante volte si esprimono giudizi affrettati: ad esempio Barella ha attecchito subito e ha avuto una crescita esponenziale, altri hanno bisogno di più tempo, come nel caso di Eriksen. Si è avvicinato a noi e non ho preclusioni nei confronti di nessuno: Perisic lo scorso anno non aveva la stessa abnegazione per giocare da quinto: io l'ho sempre visto in quella posizione, ma quando un giocatore non pensa di poter essere sfruttato a dovere... Invece quest'anno si è messo a disposizione e ha fatto una partita bella. Ha grandi potenzialità, a volte deve credere più in sé stesso. I ragazzi sono tutti coinvolti, c'è un gruppo omogeneo".

Oggi attaccavate lo spazio dietro il terzino avversario.
"Sono situazioni che chi ha giocato a calcio riesce a vederle. Io lavoro tanto con gli attaccanti, con esterni e inserimenti dei centrocampisti. Cerchiamo di capire come si difendono gli avversari. Oggi facevamo un movimento inverso: quando Hernandez usciva sul quinto mandavamo Lukaku ad attaccare e Lautaro a venire incontro. Sicuramente studiamo come si muove la linea difensiva, che tipo di schermo danno ai centrocampisti. Sono cose che studiamo per rendere le cose più semplici ed esaltare le doti dei nostri giocatori".

L'alternanza degli attaccanti è studiata?
"Prepariamo la partita in base alle caratteristiche dell'avversario. Oggi avevamo due tipi di situazioni: una fase d'attesa, con gli attaccanti sul dischetto del centrocampo, quando arrivavamo con i quinti cercavamo di portare una pressione alta. Prima facevamo sempre una pressione alta e secondo me l'abbiamo pagato, adesso riusciamo a svolgere due tipi di fasi. Il lavoro sta piano piano dando i frutti, i ragazzi iniziano a riconoscere le situazioni e diventa più facile".

Oggi c'è stata una vera e propria svolta.
"Abbiamo preso consapevolezza quando negli scontri diretti inizi a battere le più forti. La partita di oggi, contro una squadra ottima come il Milan, ha dato conferma che c'è una crescita. C'è una crescita importante, dobbiamo continuare così, poi è inevitabile che i risultati aiutino. Il lavoro c'è ed è tanto, se i risultati arrivano per me è più facile inculcare determinate situazioni. Chiudo con un pensiero per Bellugi: ci uniamo al dolore della famiglia, è una scomparsa che ha fatto male a tutti".

Primo piano
TMW Radio Sport
TMW News TMW News: Atalanta-Juve per lo spettacolo e la Champions. Il Napoli prova a fermare l'Inter
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000