Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Lazio, Lazzari: "Abbiamo dimostrato di essere vivi. Con la Roma la mia miglior partita"

Lazio, Lazzari: "Abbiamo dimostrato di essere vivi. Con la Roma la mia miglior partita"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
lunedì 18 gennaio 2021 15:30Serie A
di Lorenzo Di Benedetto

Uno degli eroi del derby di Roma Manuel Lazzari, esterno della Lazio autore dell'assist per Luis Alberto nell'azione che ha portato al momentaneo 2-0 e protagonista anche sul gol del vantaggio di Immobile, ha parlato a Lazio Style Radio. Queste le sue parole: "Sicuramente ho giocato la miglior partita, tutta la squadra ha disputato un derby magnifico e la vittoria è stata bellissima. Siamo contenti della prestazione e del successo che ci dà una grande spinta".

Quando avete capito di avere il controllo totale della partita?
"Abbiamo approcciato la gara nel migliore dei modi, eravamo cattivi su tutti i palloni e arrivavamo sempre prima. Abbiamo capito prima del secondo gol che il derby poteva essere nostro. Fin dai primi 10/15 minuti avevamo la sensazione di poter portare a casa la partita".

Quando ha capito di poter rubare la palla a Ibanez sul primo gol?
"Quando un compagno prende palla noi esterni partiamo sempre, poi ci ho creduto fino alla fine perché si sa che un avversario può sbagliare. Fortunatamente dopo il rimpallo la palla è andata a Immobile che da lì non sbaglia mai. Quando ho intercettato la palla di Ibanez la palla era a metà strada e mi sono buttato, poi ho visto Ciro e mi sono spostato".

Il secondo gol?
"Milinkovic mi ha dato una palla in profondità, c'è stato un bel duello con Ibanez e poi sono stato bravo a mettere il corpo davanti. C'era fallo da rigore ma quando ho visto che l'arbitro non avrebbe fischiato ho dato la palla a Luis Alberto ed è andata bene".

Lei e Marusic giocate sempre titolari. La condizione è tornata ultimamente?
"Penso che un periodo di appannamento ci possa stare in una stagione, soprattutto quando si gioca ogni tre giorni, anche in Champions, una competizione molto diversa dall'Europa League. La nostra condizione non era ottimale ma io e Adam abbiamo tenuto duro e alla fine il lavoro sta ripagando, visto che adesso siamo in forma".

Terminata la gara cosa vi siete detti in vista delle prossime partite?
"Dopo le vittorie con Parma e Fiorentina sapevamo che sarebbe stata una sfida cruciale per salire in classifica. Ci stiamo rialzando e ci siamo detti che se giocavamo da Lazio potevamo vincere. Conosciamo la nostra forza, dovevamo solo tornare quelli dell'anno scorso. Il derby ha dimostrato che la Lazio c'è ed è viva".

Preferisce Forrest Gump o Speedy Gonzales come soprannome?
"Possono chiamarmi come vogliono, mi va bene tutto. Contro il Parma e nel derby ho giocato con gli antidolorifici per una botta presa contro la Fiorentina, contro i ducali ero in dubbio, venerdì stavo già meglio".

Punta a segnare di più?
"Ci devo credere di più, preferisco fare passaggi e non tirare ma a volte devo essere più egoista. Essendo un esterno preferisco i cross e non mi viene in mente di tirare in porta. Quando non penso faccio le cose migliori, contro il Celtic l'anno scorso ho dovuto tirare per forze ed è andata bene".

Con queste prestazioni pensa alla Nazionale?
"Penso sempre che il nodo principale sia il modulo e l'Italia gioca con uno schieramento diverso. La Nazionale è un sogno ed è normale che ognuno di noi voglia far parte di quel gruppo. Spero di fare sempre meglio, se arriverà la chiamata sarà un bene, altrimenti cercherò di migliorare".

Pensa di doversi lasciare andare di più?
"Non lo so, rispetto all'anno scorso mi sento maturo e migliorato. La Lazio è una squadra incredibile e le attese erano tante, ora mi sono alleggerito. La condizione fisica poi ti aiuta tanto, se non sei al 100% non provi mai la giocata".

Vi sentite di nuovo di fare qualcosa di speciale?
"Ci sono state settimane difficili ma ci siamo parlati tra di noi guardandoci negli occhi e siamo rimasti uniti. Ne siamo usciti e adesso abbiamo fatto tre vittorie di fila".

Cosa direbbe a un nuovo compagno per farlo ambientare alla Lazio?
"I primi miei due o tre mesi qui ho pensato di non essere all'altezza e non è stato facile a livello mentale. Anche l'ambientamento in un nuovo spogliatoio richiede tempo ma alla fine tutto va al meglio. Sono fiducioso e sono felice di essere a contatto con dei bravi ragazzi".

Pensate alle gare di Champions contro il Bayern?
"Siamo riusciti a superare il girone e questa è una cosa magnifica. Adesso affronteremo una squadra pazzesca, con giocatori fenomenali. Tutto però passa dal campionato".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000