Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Primo pallone e primo gol, ma era solo l'inizio. Leao verso la prima da titolare al Mondiale

Primo pallone e primo gol, ma era solo l'inizio. Leao verso la prima da titolare al MondialeTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Imago
lunedì 28 novembre 2022, 07:15Serie A
di Antonello Gioia

Al primo pallone toccato in un mondiale, Rafael Leao ha dimostrato ciò che è e ciò che sa. fare: progressione di 70 metri, mostrando un atletismo e una velocità fuori dal comune, movimento perfetto ad aprire gli spazi per l’assist del compagno e destro piazzato all’angolino. E ora? Ora tutti si aspettano ancora di più.

Prima da titolare?
L’occasione arriverà già oggi quando, alle ore 20:00, il Portogallo cercherà il pass per gli ottavi di finale nel Girone H affrontando l’Uruguay; la Celeste è una squadra esperta, rognosa, con giocatori di alto livello che, di conseguenza, sono pane per i denti di un giocatore brillante come Leão. Fernando Santos, complice qualche infortunio in zona offensiva, potrebbe regalargli una maglia da titolare ed è ovvio che, se così fosse, gran parte dei fari di addetti ai lavori, appassionati e avversari saranno su di lui.

Percorso
Quando gioca nel Milan, Leao è ormai da mesi costantemente raddoppiato o addirittura triplicato dalle difese avversarie: è il trattamento, d’altronde, che si deve ai fuoriclasse, ai giocatori capaci di cambiare la partita da momento all’altro. In Italia, nonostante queste marcature spesso asfissianti, Leao fa sempre sempre la differenza e in questa stagione sta trovando la capacità di essere determinante con continuità anche in Champions League. In questo senso, l’essere protagonista al Mondiale, cominciando dal goal al primo pallone toccato e passando per la prima titolare possibile questa sera, sarebbe di grande aiuto per la sua crescita verso l’appellativo di campione.

Primo piano
TMW Radio Sport