Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
live

Brescia, Marroccu: "Ho deciso a maggio di tornare. Non sento di essere sceso di categoria"

LIVE TMW - Brescia, Marroccu: "Ho deciso a maggio di tornare. Non sento di essere sceso di categoria"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 21 ottobre 2021 16:40Serie B
di Luca Chiarini
Diretta scritta su TUTTOmercatoWEB.com. Premi F5 per aggiornare la pagina!

15.45 - A Brescia è già iniziato il Marroccu-bis: dopo l'addio al Genoa, l'esperto dirigente è stato nominato direttore dell'area tecnica biancoblù, incarico peraltro già ricoperto nel precedente mandato. La sua conferenza di presentazione avrà inizio alle 16: vi proponiamo di seguito, con una diretta scritta, tutte le sue dichiarazioni.

15.58 - Inizia la conferenza stampa.

Quali sono le sue prime sensazioni?
"Fossi un po' sveglio, chiuderei la conferenza dopo le parole del presidente: quello che ha detto è ciò che cercavo in questi due anni e mezzo di esilio da Brescia. Siamo due persone molto simili. Sono legato a lui da riconoscenza, affetto, e adesso posso dirgli di volergli bene. Ma nel lavoro non ci facciamo sconti, ognuno di noi cerca di superare l'altro. Probabilmente questo ci ha tenuti uniti in questi anni. Il resto lo dirà il tempo, la storia: è l'ultimo passaggio calcistico che farò lontano da lui, probabilmente. Questo è il mio intento. Non ho trovato una situazione critica, ma una società molto organizzata: dal direttore generale a quello della comunicazione, l'area marketing... È una società prestata alla Serie B, con un centro sportivo per pochi. In fondo alla sala stampa ci sono le persone con cui parlerò in questi giorni: Botturi, Zanardini e Migliorati. Lavoreremo in team come il presidente ha sempre voluto. Squadra e allenatore stanno benissimo".

È una continuazione o una ripartenza?
"Una continuazione, anche per come sono stato accolto. Mi piace molto la città. Quando Cellino mi scelse lo fece perché Brescia è una piazza strategica: vedo le potenzialità anche di una scelta professionale, e a volte fare un passo indietro ti consente di farne due avanti. Non mi sento di essere sceso di categoria, ma mi sento gratificato".

Che Serie B ritrova?
"Una Serie B molto competitiva. L'inizio del campionato del Brescia è stato secondo me straordinari. Eredito una classifica ottima, ritrovo un Brescia costruito per fare un campionato di vertice. Dobbiamo toglierci il verbo 'dobbiamo andare in Serie A' e dobbiamo trasformarlo in 'vogliamo'. Anche se arrivo dalla Serie A mi sento l'ultimo dei direttori sportivi della B: dobbiamo essere umili, e questo lo deve respirare anche l'ambiente. Non si può gridare al disastro per due sconfitte di fila in B, dopo una partenza straordinaria. Eredito una situazione che non era preventivabile: non pensavo nemmeno mi prendesse il presidente. Dobbiamo dare serenità. Tutta Brescia va in A, non possiamo avere dei nemici in casa: arrivano sabato, i nostri nemici".

C'è voglia di rivalsa personale? Quali furono i segreti dell'ultima promozione?
"Dobbiamo dimenticare quella promozione. Così come Inzaghi deve dimenticarsi il Benevento, io il Genoa. Questa è un'altra storia, non bisogna mai vivere di ricordi: nel calcio oggi è già ieri. Bisogna costruire pezzo per pezzo, dimentichiamo una promozione che fu eccezionale, non programmata. Se non provassi in questo lavoro la voglia continua di migliorarmi non potrei farlo. Vengo perché mi piace provare a fare qualcosa insieme a tutti".

Ritrova un club migliorato.
"Ci cambiavamo in un oratorio. Questo è decisamente un bel centro, qui è facile lavorare: non capita nemmeno in Serie A. Questo è il modo di lavorare del presidente: non è una società di passaggio, ma una società che programma. Una volontà di vincere per durare, non per fare la fiammata".

Che bilancio fa della sua esperienza a Genova?
"Mi sono trovato bene a Genova. Quando uno lavora con Cellino può andare anche all'ONU. Ringrazio Preziosi di avermi dato una grande chance: con gli americani ho fatto dei colloqui di cortesia, ma io avevo già deciso a maggio che la mia vita sarebbe stata qua. Anche il giorno dopo la promozione pensavo che avrei ricucito: la speranza era quella. Ora ci ritroviamo più vecchi, ma ci conosciamo ancora meglio. Io sono cresciuto tanto in questi anni".

Ci spiega meglio il passaggio in cui dice che questo è stato l'ultimo step lontano da Cellino?
"Dopo Cagliari ci siamo lasciati perché era un anno particolare, il presidente aveva avuto tante vicissitudini. Dal Leeds ci separammo bruscamente, dopo un anno mi richiamò e mi disse che senza di lui non avrei potuto far calcio, e che senza di me non poteva lavorare. Pasini rispettò un patto che avevamo e mi lasciò andare a Brescia. A maggio me ne ha fatta un'altra di telefonata, molto simile: ora abbiamo siamo cresciuti talmente tanto, anche nel dolore, che sarà difficile separarsi".

Si aspettava questo attestato di stima?
"Non mi aspettavo si assumesse le colpe al 70%, no. Le parole che ha detto sono quelle che, da uomo, io cercavo. Ci incontreremo quando avremo ottanta anni e sarà bello ricordare queste cose: dal punto di vista lavorativo gli devo tutto. La riconoscenza non è a tempo e non è subordinata a nulla: se faccio questo lavoro è perché soltanto un presidente genialoide poteva affidarsi ad un direttore sportivo dilettante e affidargli il Cagliari. Io entro nel Cagliari come segretario generale sportivo: passavo le notti a studiare le NOIF. Poi ho fatto il team manager, poi direttore generale: mi faceva fare tutti i ruoli tranne quello che volevo, poi arrivai a fare il d.s. Per me è stata una formazione impagabile: tutte le volte che mi ha chiamato per andare a lavorare con lui ho risposto presente perché la riconoscenza, secondo me, non è a tempo".

Che differenze ci sono tra Preziosi e Cellino?
"Sono profondamente diversi. Uno è un presidente professionista, Cellino, l'altro un presidente mecenate, che ha costruito un management. Qua il vero direttore della società è Cellino, poi c'è Micheli che segue la parte amministrativa". Interviene Cellino: "Preziosi è ricco (ride, ndr)". Prosegue Marroccu: "Poi Preziosi mi chiamava alle 21.30 e mi chiedeva se disturbava, Cellino chiama all'1.30 e si stupisce se stai dormendo (ride, ndr)".

16.40 - Finisce la conferenza stampa.

Primo piano
TMW Radio Sport
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000